Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/12/2016 alle ore 18:12

Attualità e Politica

13/01/2016 | 14:53

Operazione “The Imitation Game”, Passamonti (Sgi): "Controlli fondamentali per tutelare la legalità"

facebook twitter google pinterest
operazione imitation game passamonti

ROMA - "L'ennesima operazione contro attività illecite nel settore del gioco conferma la straordinaria importanza e l'esigenza assoluta di controlli come quelli della Polizia e della Guardia di Finanza, che rappresentano un presidio fondamentale per la legalità. Le forze dell'ordine riescono a svolgere il proprio lavoro perché esistono contorni e limiti che solo il gioco legale può offrire, altrimenti sarebbe ancora più difficile operare". Questo il commento di Massimo Passamonti, presidente di Sistema Gioco Italia, in merito all'operazione “The Imitation Game”, che ha portato a undici arresti per associazione a delinquere e alla scoperta di una rete illegale di gioco online.
"Il processo di consolidamento normativo e di regolazione dell'offerta online ha consentito di offrire un paradigma e strumenti di intervento - ha specificato Passamonti ad Agipronews - e quindi ancora una volta si è confermata la necessità di un'offerta di gioco regolata da leggi e limiti che sappiano offrire una chiara lettura di ciò che è legale e di ciò che non lo è. Ecco perché sparare nel mucchio su questi argomenti, come spesso accade soprattutto a livello politico, non è mai stato utile e non ha mai aiutato ad offrire soluzioni forti per il contrasto all'ilegalità". Per tutelare ancora di più il gioco legale sono necessarie "leggi che funzionino come in tutti gli altri settori, chiare, di facile attuazione e di facile interpretazione. Dal nostro punto di vista - ha concluso - basta ricordare la regolazione dell'online operata in Italia che rappresenta un esempio positivo a livello internazionale. Se non ci fossero queste condizioni dettate dalle norme che regolano l'online il nostro paese sarebbe veramente in balia delle offerte illegali e delle mafie, più o meno organizzate”. 
FP/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password