Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 07/12/2016 alle ore 11:23

Attualità e Politica

18/11/2015 | 09:08

Gioco minorile e ludopatia: due interrogazioni dal senatore Lumia (PD) al Ministro della Salute

facebook twitter google pinterest
pd interrogazioni giochi

ROMA - Gioco minorile e ludopatia: sono i temi sui quali il senatore del PD Giuseppe Lumia chiede chiarimenti al Governo, tramite due interrogazioni presentate congiuntamente al Ministro della salute, dell'interno e dell'economia e delle finanze. Nella prima il senatore siciliano chiede dunque se il Governo intenda «bloccare la pubblicità del gioco d'azzardo che colpisce soprattutto le nuove generazioni» e quali iniziative siano previste «per evitare che nelle sale gioco degli adulti sia consentita, seppur clandestinamente, la presenza di minori, visto che viene segnalata tale presenza nei locali in cui insistono le slot machine per adulti, a cui si lascia facilmente accesso a persone non ancora maggiorenni». Nella seconda interrogazione invece, Lumia pone l'accento sul gioco patologico, chiedendo che, secondo quanto prevede il Decreto Balduzzi, vengano aggiornati i «livelli essenziali di assistenza» per le «persone affette da gioco d'azzardo patologico» e l'istituzione di un «Fondo per la prevenzione e per la cura del gioco d'azzardo patologico", da alimentare attraverso l'applicazione di una tassazione aggiuntiva sui redditi realizzati dai concessionari e le vincite dei giocatori». Lumia chiede inoltre che vengano previsti «maggiori poteri di intervento per i sindaci sulle autorizzazioni in deroga alla normativa sulla liberalizzazione delle attività e degli esercizi commerciali a tutela dei cittadini». Il senatore del Pd, inoltre, sostiene la necessità di più controlli nel settore e propone per esempio di« elevare gli standard di accreditamento dei concessionari ed il sistema dei controlli sulla loro identità societaria, sull'origine dei loro patrimoni e sui loro flussi finanziari», oppure di «introdurre il divieto di partecipare a gare e procedure per il rilascio di concessioni in materia di giochi da parte delle persone fisiche e giuridiche condannate per reati gravi anche in via non definitiva, estendendo inoltre tale preclusione anche a parenti ed affini entro il terzo grado». In più, Lumia spinge anche per l'istituzione «presso tutte le Procure della Repubblica di strutture e reparti investigativi specializzati per la repressione delle attività criminali connesse al mercato dei giochi». FP/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password