Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 08/12/2016 alle ore 12:15

Attualità e Politica

12/07/2016 | 12:45

Scommesse, Cassazione ribadisce: “Reato accettare gioco senza autorizzazioni”

facebook twitter google pinterest
scommesse cassazione

ROMA - Accettare scommesse senza le necessarie autorizzazioni costituisce reato. E’ quanto ha ribadito la Terza sezione penale della Corte di Cassazione che ha bocciato il ricorso di una esercente di Lecce contro la condanna per attività di gioco non autorizzato. “L’imputata non si limitava ad offrire un mero supporto tecnico allo scommettitore - si legge nella sentenza - ma, attraverso la raccolta delle scommesse, l'inoltro all'operatore comunitario della sommessa e del denaro e l'elargizione allo scommettitore dell'eventuale vincita, interferiva in maniera apprezzabile nell'attività di gestione delle scommesse da parte dell'operatore”. I giudici ricordano che “integra il reato di attività organizzata per l'accettazione e la raccolta, per via telematica, dì scommesse senza autorizzazione, ‘sub specie’ di illecita intermediazione, la condotta del gestore di un centro di servizio che, contrattualmente legato ad un concessionario regolarmente autorizzato dall'AAMS per l'attività dì accettazione e raccolta a distanza di scommesse sportive, non si limiti a svolgere un'attività di mero supporto tecnico a beneficio dello scommettitore titolare del contratto di conto di gioco con il concessionario ma interferisca, come nella specie, nell'attività di scommessa del cliente. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password