Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/12/2016 alle ore 20:21

Attualità e Politica

28/12/2015 | 15:02

Scommesse, Tar Abruzzo ribadisce: "Concessione imprescindibile per la raccolta di gioco"

facebook twitter google pinterest
scommesse tar abruzzo

ROMA - La concessione statale è imprescindibile per ottenere la licenza di pubblica sicurezza e per raccogliere gioco sulle scommesse. E' quanto ha ribadito il Tar Abruzzo in una sentenza che respinge il ricorso di alcuni esercenti di Collecorvino, in provincia di Pescara, a cui era stato negato l'ok della Questura perché collegato a un bookmaker maltese non autorizzato. I giudici ricordano che è ormai giurisprudenza consolidata il fatto che "la qualità di concessionario costituisca presupposto imprescindibile, laddove stabilisce che la licenza può essere data esclusivamente a soggetti concessionari o autorizzati da parte di Ministeri o di altri enti, ai quali la legge riserva, appunto, la possibilità di svolgere l’attività suddetta" e che "la provenienza della domanda da un soggetto avente la natura giuridica sopra individuata, e pertanto sostanzialmente privo del titolo legittimante, avrebbe ingenerato incertezze presso gli stessi scommettitori". Tale incertezza "costituisce di per sé un valido e sufficiente motivo di ordine pubblico per denegare l’autorizzazione, in quanto si pone in contrasto con le esigenze di tutela del consumatore, anch’esse protette dal diritto comunitario". FP/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password