Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 09/12/2016 alle ore 20:28

Attualità e Politica

03/11/2016 | 11:05

Giochi, Vecchi (Sindaco Reggio Emilia): «Al lavoro su regolamento per limitare apertura di nuove sale»

facebook twitter google pinterest
slot vlt reggio giochi

ROMA - Lavorare «senza distinzioni politiche o distinguo fra maggioranza e opposizione» a un nuovo regolamento che limiti l'apertura di nuove sale slot e Vlt. È l'appello lanciato ieri dal sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, dopo l’approvazione della settimana scorsa in Regione di un emendamento sul contrasto al gioco patologico nel Testo unico sulla Legalita’ sul gioco d’azzardo. Reggio, ha spiegato Vecchi «è diventata, in questi anni, un punto di riferimento nazionale» nella lotta «al gioco d’azzardo, grazie a una serie di provvedimenti innovativi e coraggiosi». Già nel 2013, con la variante al regolamento urbanistico edilizio è stata prevista la possibilità di insediamento degli apparecchi da intrattenimento lontano da luoghi sensibili come residenze per anziani o scuole. «A fronte di disposizioni così innovative e importanti da parte della Regione – prosegue Vecchi – auspico che le forze politiche possano lavorare, nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, alla stesura di un nuovo regolamento che permetta al Comune di Reggio di implementare il già significativo e corposo insieme di dispositivi che ci hanno permesso, negli ultimi tre anni di frenare (dove non azzerare) l’insediamento di nuove sale slot e Vlt». Natalia Maramotti, assessore alla Sicurezza e Cultura della legalità e Alex Pratissoli, assessore alla Rigenerazione urbana e del territorio hanno già iniziato a lavorare sul tema negli ultimi giorni, incontrando anche esponenti delle forze di minoranza che si sono detti d’accordo con le proposta del sindaco. RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse Civitavecchia

Scommesse, Civitavecchia: scoperti tre locali senza licenza

09/12/2016 | 10:45 ROMA - La Polizia di Civitavecchia ha scoperto tre locali che offrivano al pubblico scommesse su eventi sportivi senza autorizzazione e denuncerà il tutto all'autorità giudiziaria, per il reato di frode in competizioni...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password