Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 05/12/2016 alle ore 15:04

Attualità e Politica

14/09/2016 | 15:50

Social Media Week, Tiso (Sisal): «Le app punto di contatto tra l’online e la nostra rete fisica»

facebook twitter google pinterest
social media week sisal tiso

ROMA - La “rivoluzione” mobile è riuscita a cambiare anche l’esperienza di gioco di alcuni prodotti che storicamente erano rimasti immutati o quasi. È quanto spiega Marco Tiso, Online Business Manager di Sisal, durante il convegno “Mobile Gaming, il futuro di gioco a misura di…dito” della Social Media Week a Roma. «Da qualche tempo, con la nostra app - spiega Tiso - abbiamo lanciato una novità che dà un respiro “mobile” alla vecchia schedina del Totocalcio. È possibile compilarla direttamente dall’applicazione, viene poi inviata al ricevitore, convalidata e la ricevuta arriva sul telefonino dell’utente, che sempre attraverso l’app potrà controllare i risultati delle partite». Le tecnologie di geolocalizzazione degli smartphone, poi hanno portato dei cambiamenti anche nell’esperienza di gioco del SuperEnalotto: «Con lo store locator i nostri utenti non solo riescono a sapere dov’è la ricevitoria più vicina a loro, ma hanno anche info su offerte, promozioni e vincite storiche nel punto gioco - dice Tiso - Così la nostra app è diventata il punto di contatto tra la nostra rete fisica, fatta da circa 40mila punti vendita e il mondo dell’online». Il settore su cui il mobile ha però influito di più in quanto a esperienza di utilizzo è quello delle scommesse: «Gli utenti possono seguire gli eventi in diretta streaming con i telefonini, per esempio Sisal offre le partite della Bundesliga, e vivere l’esperienza di scommessa praticamente “live”. Le puntate a partita in corsa hanno determinato una serie di scommesse “nuove” (come quella sulla squadra che segnerà il prossimo gol), che vanno a favore dello scommettitore, perché è più facile indovinare un pronostico live, a brevissimo termine, che a tavolino prima della partita. Ci aspettiamo che tra due o tre anni l’80% dell’esperienza di gioco avvenga sul mobile e che già dall’anno prossimo il volume di gioco del mobile supererà quello “desktop”». Infine, Tiso ha sottolineato come l’aumento dell’offerta e delle occasioni di gioco abbia significato per Sisal un aumento dell’attenzione alla prevenzione di gioco minorile e problematico: «Proprio per la facilità di accesso ai nuovi dispositivi abbiamo aumentato le misure di protezione - spiega - Prevenzione e controllo del gioco minorile e problematico devono essere salvaguardate e bisogna incentivare il gioco responsabile. Nelle nostre app sono presenti misure di sicurezza che ci danno la certezza dell’età di chi sta utilizzando la nostra app, la quale prevede anche le soglie di autolimitazione per i giocatori, che possono decidere l’importo massimo mensile da spendere». AG/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password