Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 06/12/2016 alle ore 17:19

Attualità e Politica

11/12/2015 | 10:14

Legge di stabilità, limitazioni alla pubblicità dal Governo: per grandi tv a rischio investimenti per 50 milioni di euro

facebook twitter google pinterest
stabilità pubblicità emendamento governo

ROMA - Le limitazioni della pubblicità dei giochi, previste dall'emendamento del governo alla legge di stabilità 2016, non produrranno necessariamente «effetti riduttivi del gettito atteso», secondo l'Esecutivo, ma, confrontando i dati 2014 sugli investimenti in tv, metterebbero a rischio 51 milioni di euro per le maggiori emittenti. Secondo lo studio di Ficom Leisure - società di consulenza internazionale con base a Londra - le aziende, lo scorso anno, hanno investito 101 milioni di euro e i due grandi poli su cui l'industria italiana del settore giochi ha puntato di più sono la televisione (il 50% della raccolta complessiva) e internet (34%).
La relazione tecnica che accompagna l'emendamento, depositato nella notte dal Governo in Commissione Bilancio alla Camera, specifica che «una pubblicità contenuta nelle severe modalità dettate dalla Commissione Europea dovrebbe impedire l'estensione ulteriore della platea dei giocatori e conservare la funzione informativa per coloro che vogliano conoscere le caratteristiche dell'offerta legale esistente». Con il divieto, che riguarda i canali radiofonici e televisivi generalisti dalle 7 alle 22, secondo il Governo, «non dovrebbe risultare favorito uno spiazzamento a vantaggio dell'offerta illegale». La tv, si legge nello studio di Ficom Leisure - che ha incrociato i numeri forniti dalle aziende del settore giochi, dalle concessionarie di pubblicità e dagli editori - rimane, al momento, il mezzo "preferito" dagli investitori, con il 50,5% della spesa pubblicitaria complessiva, seguito da internet (34%), mentre non arrivano in doppia cifra le percentuali di stampa (6%), radio e cartellonistica (5% ciascuna). La televisione, però, ha visto negli ultimi anni una contrazione negli investimenti: 75 milioni nel 2012, 54 nel 2013, 51 milioni lo scorso anno (-32% nel biennio).  MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password