Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 08/12/2016 alle ore 17:35

Attualità e Politica

27/09/2016 | 14:31

Tar Veneto e ‘distanziometro’: “Non si applica per le scommesse, ma solo per le sale giochi” (2)

facebook twitter google pinterest
tar veneto distanziometro venezia scommesse giochi

ROMA - Diversa la decisione del tribunale amministrativo veneto nei confronti del proprietario di una sala giochi a cui è stata inviata la stessa diffida. In questo caso, però, i giudici fanno presente che - pur in presenza delle necessarie autorizzazioni - il regolamento sulle distanze va applicato non solo per i nuovi esercizi, ma anche nel trasferimento di attività già esistenti, come in questo caso. “Pur trattandosi della medesima attività già gestita anche in data anteriore all’adozione del Regolamento Edilizio in questione - si legge nella seconda sentenza - tuttavia il trasferimento della sala giochi in nuovi locali non può che comportare la apertura della (medesima) sala giochi in locali diversi da quelli ove precedentemente l’attività era svolta”. La dizione “apertura”, spiega il Collegio, va intesa nel senso “prettamente fisico-materiale”; in caso contrario, “si arriverebbe alla incongrua ed ingiustificata conclusione, contrastante con la stessa ratio del divieto, di consentire il trasferimento delle sale giochi preesistenti in locali che non rispettino la distanza minima prevista”. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password