Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 07/12/2016 alle ore 20:34

Attualità e Politica

28/09/2016 | 18:25

Giochi, a Venezia approvata bozza di regolamento su “distanziometro” e limiti orari

facebook twitter google pinterest
venezia regolamento giochi

ROMA - È stata approvata ieri dalla Giunta Comunale di Venezia la bozza di regolamento in materia di giochi, primo passo di “un riordino complessivo della materia sia in tema di dislocazione territoriale della nuova rete di raccolta del gioco rispetto ai luoghi sensibili, sia degli orari di apertura delle sale giochi, alla luce della Legge Regionale del Veneto per la prevenzione, il contrasto e la riduzione del rischio dalla dipendenza dal gioco e dei recenti orientamenti della giurisprudenza amministrativa in materia”. Nella nota pubblicata dal Comune sono elencati i punti fondamentali del regolamento: vietata l'apertura di nuove sale gioco, sale scommesse, sale VLT e BINGO entro 500 metri in linea d'aria da luoghi sensibili come scuole, parchi e strutture frequentate da giovani. Sono inoltre disciplinati gli orari di apertura degli esercizi, in particolare “le sale giochi autorizzate potranno aprire dalle 8.30 alle ore 21.30 di tutti i giorni, compresi i festivi. Gli apparecchi automatici di intrattenimento installati quali attività complementari in altri esercizi commerciali (bar, tabaccherie, ecc.) potranno essere messi in esercizio solo tra le ore 9 e le ore 13 e tra le ore 15 e le ore 19.30 di tutti i giorni, compresi i festivi”. Nella bozza sono presenti anche restrizioni sulla pubblicità, “prevedendo specifiche disposizioni a tutela dei minori e l'obbligo di esposizione dei cartelli con le chiare probabilità di vincita e le caratteristiche del gioco d'azzardo”.

“L’approvazione da parte della Giunta della bozza di nuovo regolamento in materia di giochi, che sarà presentata al Consiglio Comunale, permetterà all'Amministrazione – spiega l'Assessore alla Coesione Sociale, Simone Venturini - di formalizzare, nel solco di quanto consentito dalla normativa nazionale, restrizioni e prescrizioni in materia di sale giochi e VLT che già il Sindaco Luigi Brugnaro aveva previsto nei mesi scorsi con un’apposita ordinanza sperimentale”. La delibera ora passerà al vaglio della competente Commissione Consiliare ed infine approderà in Consiglio Comunale per l'approvazione definitiva.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password