Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 07/12/2016 alle ore 20:34

Estero

29/08/2016 | 14:00

Giochi, Caesars Entertainment: niente stop per causa da 11 miliardi di dollari, l’azienda pronta all’appello

facebook twitter google pinterest
Caesars Entertainment

ROMA - Niente rinvio per la causa legale con cui i creditori di Caesars Entertaiment chiedono all’operatore internazionale di casinò il pagamento di 11 miliardi di dollari: è quanto ha stabilito la giustizia statunitense, respingendo l’istanza di Caesars. “Non ritengo che un ulteriore rinvio possa aiutare i negoziati con i creditori”, ha detto il giudice di Chicago, Benjamin Goldgar. I creditori accusano Caesars di aver dirottato i fondi di alcuni alberghi e resort di Las Vegas, per avviare in maniera non legittima il processo di bancarotta. Caesars nega ogni addebito, anche se una perizia del tribunale ha stimato i possibili danni da risarcire in oltre 5 miliardi di dollari. Per chiudere la vicenda Caesars avrebbe offerto ai creditori un patteggiamento da 4 miliardi, l’attuale decisione - contro cui è stato già annunciato un appello - secondo i legali dell’azienda “mette a serio rischio il processo di riorganizzazione”.

PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password