Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 08/12/2016 alle ore 17:35

Estero

17/11/2015 | 13:34

Gioco online, Cina: smantellata organizzazione criminale, generava profitti per 73 miliardi di euro

facebook twitter google pinterest
Gioco online Cina

ROMA - La polizia cinese ha smantellato un'organizzazione criminale che aveva messo in piedi un giro d'affari del valore di oltre 73 miliardi di euro basato su siti illegali di gioco online e che coinvolgeva quasi un milione di utenti registrati. L'operazione è stata avviata lo scorso anno: secondo le autorità, l'organizzazione aveva una struttura complessa con oltre 500 siti di gioco "mascherati" da sistemi che richiedevano dati di accesso e di posta elettronica. La base principale era a Taiwan, ma alcune 'filiali' sono state scoperte a Hong Kong, in Thailandia e nelle Filippine.  "Questi siti sembrano essere semplicemente delle pagine che chiedono un login con la casella di posta elettronica ma, dalla nostra analisi dei dati, c'è dietro un team di professionisti che lavora in background", ha detto Peng Zhihong dell'unità investigativa del Yueyang Public Security Bureau che si occupa di internet. La polizia ha fatto sapere che i sospettati utilizzavano false carte di identità e schede telefoniche intestate a persone inesistenti, aspetti che hanno reso difficile l'indagine. Secondo le stime della polizia, i siti hanno generato profitti di gioco per oltre 500 miliardi di yuan, per un fatturato di oltre 100 miliardi di yuan al mese. Le vincite sarebbero state versate nei conti bancari dei giocatori. A gestire i siti era un 39enne soprannominato Xu, che aveva 'subaffittato' la maggior parte dei siti a organizzazioni più piccole dietro il pagamento di una somma mensile, mentre una società di tecnologia internet con sede a Shenzhen forniva i codici e la progettazione di siti web al server di Taiwan. La polizia aveva già arrestato 84 persone lo scorso luglio in diverse città nella provincia di Guangdong, mentre sono stati posti sotto sequestro conti correnti in 14 diverse banche. Xu, la mente dell'organizzazione, era fuggito in Jieyang, dove è stato arrestato nel mese di settembre. MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password