Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/08/2017 alle ore 20:32

Estero

18/07/2017 | 12:14

Uk, Fantacalcio sotto la lente della Gambling Commission: «Se le leghe sono un business, serve una licenza per organizzarle»

facebook twitter google pinterest
scommesse uk estero

ROMA - I presidenti delle Fantaleghe sono avvisati: la Gambling Commission, ente che regola e supervisiona il gioco nel Regno Unito, ha ufficialmente invitato gli organizzatori di campionati di Fantacalcio a non spingersi troppo oltre. Se la lega assume una grande rilevanza per partecipanti e premi in denaro, e diventa quindi un business per chi la gestisce, è necessario ottenere una licenza per organizzarla. «Con la prossima stagione alle porte - si legge in una nota della Commissione - ricordiamo agli organizzatori di fantaleghe di assicurarsi di non operare al di fuori della legge». Fanno eccezione, si legge ancora, «i tornei senza premi o fini di lucro, o quelli organizzati su piccolissima scala, come ad esempio tra colleghi di lavoro o abitanti dello stesso condominio». Sotto osservazione anche la promozione degli eventi attraverso i social media: «Un post su Facebook o un Tweet che invitano a partecipare sono assimilabili a una pubblicità per un gioco tradizionale - continua il documento - Pubblicizzare così una lega vuol dire fare business e che quindi c’è bisogno di una licenza per organizzarla». AG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

uk Rank Group

Uk, Rank Group: in un anno profitti per 91,3 milioni (+1%)

18/08/2017 | 17:03 ROMA - Ricavi a 826 milioni di euro per l’ultimo anno fiscale di Rank Group, con una lieve crescita dell’1% rispetto ai 12 mesi precedenti: l’operatore britannico, che gestisce i casinò Grosvenor e le sale...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password