Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/04/2017 alle ore 20:42

Ippica & equitazione

14/04/2017 | 19:03

Ippica, La Maura: primo successo per Venice Effe

facebook twitter google pinterest
Ippica La Maura

ROMA - Primo successo in carriera per Venice Effe nel Premio Stella Polare, prova di apertura del convegno di venerdì a La Maura. Affidata alle mani "magiche" di Roberto Vecchione, la cavalla in allenamento a Pietro Bezzecchi al diciottesimo tentativo si è tolta finalmente l'etichetta di maiden: terza dal via, Venice Effe ha spostato sul penultimo rettilineo e con un solo parziale ha superato la labile opposizione di Vivi In Me Bigi per prendere vantaggio e involarsi verso il traguardo. Vivi In Me Bigi ha sbagliato sull'ultima curva, così alle piazze sono emerse Vidia Club e Vanilla Club, mentre Victor Kings aveva sbagliato nelle prime fasi.
Ultima del campo (27,14 la quota al Tot), Urora è emersa a sorpresa nell'invito per sole femmine di 4 anni: in seconda posizione dietro la battistrada Uendy Stift, "stesa" ai 200 finali dal pressing di Uta Jet, la cavalla guidata da Edoardo Loccisano si è liberata in retta e si è incuneata all'interno di Uta Jet per prendere chiaramente la meglio sulla rivale nei metri conclusivi. Terzo posto per Uranie Roc, che ha agito all'esterno in scia a Uta Jet, mentre Ula Pal Ferm non ha trovato posizione in avvio e ha provato a tornare in retta finendo al quarto posto.
I colori gloriosi della scuderia Louisiana in auge nel Premio Marimari grazie a Uggioso: già a segno al rientro ad Albenga, il cavallo allenato e guidato da Andrea Guzzinati ha dimostrato di essere pienamente ritrovato vincendo una gara non semplice, causa il violento attacco di Uragano dei Lady che a metà percorso ha provato a sorprendere il rivale che aveva conquistato il comando. Uggioso ha contenuto l'assalto del rivale e in retta ha trovato le energie per sottrarsi a Urtica Jet, con Urpiduss al terzo posto.
Altro arrivo a grossa quota nel Premio Tinca, reclamare per cavalli di 4 anni, con il finalone di Urbana Petral (28,58 la quota la Tot), Mauro Guasti in sediolo, che è venuta a "punire" proprio sul filo di lana la favorita Ushuaia Bi, che sull'ultima curva aveva liquidato in un sol parziale il battistrada Uranio Capar e l'attaccante Ultimatum Indal ma in retta ha affievolito lo spunto e si è esposta all'agguato della coetanea. Terzo posto per Un Sogno Bigi, tornato nel finale dopo qualche difficoltà durante il percorso.
Gentlemen protagonisti nel Premio Bessie Smith in sediolo ad anziani di cat. E: vittoria "tattica" di Tuono di Venere e Filippo Monti, che dopo lo strappo iniziale per conquistare il comando hanno fatto "melina" durante il percorso, badando al sodo per impedire al rivale Ranuncolo Jet, appostato in scia, di reperire lo spazio per sprintare. Tuono di Venere ha vinto così "a fermare", Ranuncolo Jet ha chiuso al secondo posto senza spazio, idem Priest Prav che si è liberato tardi e all'esterno ha rimontato Ramon di Mira per il terzo.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password