Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/06/2017 alle ore 17:54

Ippica & equitazione

05/06/2017 | 08:37

San Siro Galoppo, Premio Crespi a Zinia dei Grif

facebook twitter google pinterest
San Siro Galoppo Premio Crespi Zinia dei Grif

ROMA – Clou della domenica pomeriggio all’Ippodromo SNAI San Siro è la 3^ corsa, Premio Vittorio Crespi, Listed sui 1200 metri in pista dritta per femmine di 2 anni. Autrice di un debutto a sensazione nel Premio Poncia, Bonita Fransisca partiva con i favori del pronostico. Non altrettanto eclatante era stato l'esordio della compagna di allenamento Zinia dei Grif, ma come spesso capita con i giovanissimi, la cavalla di Antonio Marcialis ha fatto un bel progresso e ha messo il suo sigillo sulla prova. Con Dario Vargiu in sella, la portacolori della scuderia First Racing è partita bene, si è staccata in lotta ai 200 finali con Marinka e Bonita Frasisca, e lungo lo steccato è riuscita a guadagnare una mezza lunghezza di vantaggio sulle rivali. Marinka ha preceduto di misura la favorita per il secondo posto mentre Fine Drean, che era stata la battistrada iniziale, è calata nell'ultimo furlong terminando battuta anche da Phryne. Anche l’ultima corsa della giornata desta molto interesse e vede la vittoria di Ipazia, che diventa la regina del San Siro Mile 2017. La splendida allieva di Ridha Haboubi ha confermato tutta la sua competitività a questi livelli siglando la finale del circuito, valida come TQQ della domenica. Con Walter Gambarota in sella (al secondo centro del pomeriggio dopo il successo ottenuto con Doc Charm), Ipazia ha trovato un bel varco in retta e con la consueta zampata finale si è imposta con largo margine. Puntuale, vincitrice dell'edizione 2016 della manifestazione, ha vinto la volata per il secondo posto sulla trascurata Queen Tango, mentre Brillante Blu e Winning Hunter hanno completato il podio del Quintè.
Nelle altre corse, andando per ordine cronologico, inizio convegno con sorpresa nella condizionata per femmine di 3 anni sui 1600 metri in pista media, Premio Afrodite, con la debacle delle due più attese, Alfonsine e Into The Lane, terminate agli ultimi due posti. La portacolori della Dioscuri è andata in testa, ha subito il pressing di Parla Con La Luna e si è inaspettatamente arresa a traguardo lontano, mentre Into The Lane ha fatto a "sportellate" in dirittura con Swell Hill per prendere posizione ma all'atto pratico non è mai riuscita a trovare la giusta azione. Così ad emergere è stata Parla Con La Luna: subito ai fianchi della battistrada, la cavalla di Pierluigi Giannotti, con Federico Bossa in sella, è passata ai 300 finali ha poi controllato il bel recupero di Cotton In Law, finita forte dall'ultima posizione. Nella 2^ corsa, bella vittoria di Can Chen Junga nel Premio Raimondo Billeri. Opposto al betting ai due della scuderia Dioscuri, il cavallo allenato da Marco Gonnelli stavolta ha rinunciato al consueto percorso di avanguardia lasciando strada a Sillaro, che è andato via prendendo buon margine: Can Chen Junga è rimasto in seconda posizione ad un paio di lunghezze, si è incaricato di riportare sotto il gruppo a metà retta e ha provato a giocare d'anticipo sui rivali passando di slancio ai 300 finali. La mossa è riuscita e, ben sostenuto da Mariolino Esposito, il portacolori della signora Faiella è riuscito a salvare un minimo vantaggio dal finalone del tre anni dei Botti. Mirto ci ha messo un po' ad ingambarsi ma negli ultimi 2o0 metri si è prodotto in un bel recupero terminando terzo a ridosso. Femmine di tre anni e oltre a confronto nel Premio Estia, handicap sui 2000 metri in pista grande, con Zattera che ha confermato le attenzioni ricevute al betting con una bella affermazione. La cavalla allenata da Marco Gasparini e montata da Luca Maniezzi è scattata ai 400 finali all'inseguimento della battistrada Main Ambition e nei 100 finali ha piegato di forza la rivale. Più indietro Dragalonsa (seconda dal via) ha conservato il terzo posto da Butter And Jam. Arrivo concitato nel Premio Pioverna, discendente sui 1200 metri in pista dritta per cavalli di 4 anni e oltre valido come II Tris: l'ha spuntata Doc Charm, in prima linea sin dalle fasi iniziali, passato in leggero vantaggio ai 300 finali e in grado di difendersi sin sul traguardo dai contemporanei attacchi di Ganarse de Mano all'esterno e di Strong Effort all'interno. Quarta in linea anche Ariam Breeze. Ad onta del top weight, Musa D'Oriente si è imposta nel Premio Karla Willer, Handicap Limitato sui 1600 metri per femmine anziane: la cavalla in allenamento a Marco Gonnelli e con Luca Maniezzi (al bis nel pomeriggio) in sella, è andata con coraggio al comando a imporre il ritmo, ai 400 finali ha allungato decisa e non ha permesso alle rivali di avvicinarla. Davvero un bel successo (il tredicesimo della carriera) per la portacolori della scuderia Ippogrifo. Per il secondo posto Middle Gray ha "bucato" all'interno Sporty Doll, mentre Beauty Of Art ha provato a sprintare a centro pista ma non è andata al di là del quarto posto.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Royal Ascot CARAVAGGIO QUOTE BETFLAG

Royal Ascot: Caravaggio tra i favoriti su BetFlag

22/06/2017 | 12:48 ROMA - Nel Meeting Day4 di Royal Ascot il trainer O’Brien è alla ricerca della consacrazione dei suoi due allievi in G1: Caravaggio e Winter. Ecco l'analisi dei quotisti di BetFlag.  1200 metri. Commonwealth...

Ippica San Siro Galoppo

Ippica, San Siro Galoppo: a segno Marea Rosa e Coccodrillo

21/06/2017 | 19:12 ROMA - All’Ippodromo SNAI San Siro sì è disputata una giornata infrasettimanale equilibrata sia per il tipo di corse sia per i montepremi. Sei corse con due reclamare, due maiden e due handicap. A segno all'ultima...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password