Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 09/12/2016 alle ore 20:28

Ippica & equitazione

15/11/2016 | 12:13

Ippica, Tar Lazio boccia ricorso contro decreto classificazione ippodromi: “Contestazione generica e inammissibile”

facebook twitter google pinterest
classificazione ippodromi tar lazio

ROMA - Il decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali che determina i criteri generali per l'erogazione delle sovvenzioni in favore delle società di corse e per la classificazione degli ippodromi non può essere annullato: è quanto deciso dal Tar Lazio che ha dichiarato inammissibile la richiesta delle società di corse contro il provvedimento ministeriale. Il ricorso non può essere accolto, spiegano nella sentenza i giudici della Sezione seconda ter, perché “le contestazioni vertono, genericamente, sulla pretesa illogicità o irrazionalità del criterio generale adottato dall’Amministrazione”. Ciascuna società, però, “non subisce dal decreto in parola una lesività immediata per la propria sfera giuridica; lesività che si potrà concretizzare ed attualizzare soltanto nel momento applicativo del decreto medesimo allorquando, fatta applicazione in concreto dei criteri generali indicati nel decreto, la società sarà in grado di percepire l’esatto e personale pregiudizio eventualmente arrecato al proprio interesse”. Il Collegio ricorda che “la collocazione degli ippodromi nel ruolo (che è propedeutica sia alla determinazione del calendario Corse che all’erogazione delle sovvenzioni) è disposta con provvedimento del D.G. da adottarsi entro il 31.1.2017 sulla base dei dati al 31.12.2016” e che dunque “prima di tale data, le società non possono sapere in quale ruolo esse verranno collocate e, quindi, non sono in grado di conoscere se le sovvenzioni che percepiranno saranno parametrate sull’appartenenza a questo o a quel ruolo”. La censura pertanto “resta generica” e dunque inammissibile. LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password