Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 29/03/2017 alle ore 20:26

Altri sport

12/04/2016 | 16:20

Basket, Nba: Bryant ai saluti, per i bookmaker un futuro da allenatore

facebook twitter google pinterest
basket nba bryant scommesse

ROMA - Probabilmente avrebbe voluto chiudere la carriera in maniera diversa e non con i Lakers ultimi in Western Conference nell'anno del suo addio. Aveva annunciato il ritiro con una poesia, a novembre, adesso è arrivato il momento: nella notte tra mercoledì e giovedì, nell'ultima gara della regular season in Nba, Kobe Bryant giocherà la sua ultima partita con i Lakers, con i quali ha fatto la storia. Black Mamba ha vinto cinque titoli con i gialloviola, di cui è il miglior marcatore di sempre. Dopo il match contro gli Utah Jazz sarà il momento di dire addio e i bookmaker si interrogano sul suo futuro: difficile vederlo lontano dal parquet secondo i quotisti Snai, che come opzione più probabile bancano un avvenire da allenatore, sempre in Nba. La quota è fissata a 7,00, la più bassa tra tutte, anche se dopo il futuro da coach, sulla lavagna scommesse arriva la soluzione a sorpresa. Un clamoroso ripensamento per continuare a fare canestro, ma lontano dagli Usa. E in questo caso il passato di Kobe pesa parecchio: il richiamo dell'Italia - dove ha imparato i fondamentali seguendo il padre (cestista anche lui) tra Rieti, Reggio Calabria, Pistoia e Reggio Emilia - è fortissimo. Se Bryant ci ripensa, tornerà da noi, visto che subito dopo l'opzione coach arriva quella per un ingaggio nella Lega A di Basket, data a 9 volte la scommessa. Ultime ipotesi considerate, un proseguimento di carriera in Spagna (a 12,00), o in Grecia (a 15,00). Infine, anche una quota per salutare degnamente il pubblico dello Staples Center di Los Angeles: i Lakers hanno perso sei partite consecutive, dire addio con una vittoria sugli Utah Jazz è una scommessa piazzata a 2,75. AG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

scommesse f1 vettel ferrari

F1, super Vettel: è già favorito per il Gp della Cina

29/03/2017 | 17:06 ROMA - Era da una bel po’ che non succedeva. Per la precisione da agosto del 2015. Cosa? Che una Ferrari fosse favorita per vincere un Gran Premio di Formula 1. Allora, con Vettel in pole position e le Mercedes che arrancavano...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password