Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/02/2017 alle ore 20:28

Altri sport

22/06/2016 | 13:03

Tennis, Wimbledon contro il match fixing: telecamere in campo e spettatori sotto controllo

facebook twitter google pinterest
tennis wimbledon match fixing scommesse

ROMA - Sorveglianza severissima e telecamere a circuito chiuso per evitare ogni rischio di match fixing. A Wimbledon sale il livello di allerta dopo le inchieste sulle partite truccate che negli ultimi mesi hanno coinvolto i tornei Futures, i Challenger, ma anche match di alto livello. Da lunedì, primo giorno di qualificazioni a Roehampton, sono stati disposte misure stringenti innanzitutto per gli spettatori: controlli accurati in borse e zaini, secondo quanto riporta il Daily Mail, ma soprattutto l’identificazione formale di ogni persona sugli spalti. Su tutti i sedici i campi, inoltre, sono state installate telecamere a circuito chiuso per monitorare le partite: uno strumento in più a disposizione degli analisti impiegati appositamente per l’occasione, oltre al consueto lavoro di studio su scommesse e variazioni di quote. Anche i dati forniti elettronicamente dagli arbitri vengono scrupolosamente controllati, così come le credenziali di chiunque chieda l’accredito per l’evento. «Abbiamo un team che si occupa di capire se ci sono discrepanze», ha spiegato un portavoce del torneo. Finora, comunque, tutto è filato liscio, probabilmente anche grazie ai sostanziosi premi assegnati anche a chi disputa le qualifiche: circa 7.500 sterline per i tennisti che arrivano al secondo turno, 15 mila per quelli che giocano il terzo, e un minimo di 30 mila per chi arriva nel tabellone principale. Particolare attenzione è stata dedicata anche alla lotta contro il doping: oltre alle analisi di routine, gli organizzatori di Wimbledon hanno disposto ulteriori test che verranno effettuati da un’agenzia indipendente, sia durante le qualificazioni che durante il torneo. «Siamo determinati a salvaguardare l’integrità di Wimbledon e di tutto il tennis», ha concluso il portavoce. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password