Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/08/2017 alle ore 20:50

Calcio

31/07/2017 | 15:06

Serie A, quote scudetto: chi sale e chi scende dopo un mese di calciomercato

facebook twitter google pinterest
Serie A quote scudetto calciomercato

ROMA - È passato un mese, ce n’è ancora un altro per chiudere le trattative e rinforzare le rose. È il momento ideale per fare un bilancio tra i sogni scudetto e i progetti messi in atto per realizzarli. Come erano un anno fa, come sono adesso e che probabilità hanno di vincere, rispetto al 2016, le pretendenti al titolo. Il borsino “tricolore”, in questo caso, è quello dei quotisti di 888sport.it che, gioco forza, hanno stilato le quote sul prossimo campionato, anche in base a come le squadre hanno operato sul mercato. Inevitabile che ci siano i “promossi” e i “bocciati”, chi sale e chi scende. Si parte, logicamente, dai campioni in carica.
La Juventus supera l’esame dei quotisti: i bianconeri si sono mossi bene (Szczesny, Douglas Costa e Bernardeschi sono ottimi acquisti) e dunque sono confermati come favoriti sul tabellone 888sport.it. La quota è 1,65, in leggero rialzo rispetto a quella di un anno fa, quando comandavano a 1,55. Si poteva fare di più, paiono suggerire i bookie, magari pensando ai colpi ancora de chiudere: un centrale a centrocampo e poi, forse, Keita dalla Lazio.
Giudizio di stima per il Napoli: gli azzurri hanno realizzato pochi colpi, ma mirati per il gioco di Sarri: dalla Roma Mario Rui  (che con il tecnico toscano ha giocato a Empoli) e poi Ounas, esterno ex Bordeaux. Innesti preziosi in una squadra collaudatissima, tant’è che la quota sullo scudetto al Napoli è scesa sensibilmente rispetto al 2016: passando da 8,00 a 5,50 gli azzurri sono ufficialmente diventati la seconda forza del campionato.
Il voto più alto lo prende invece il Milan, promosso con lode: la campagna acquisti dei rossoneri è stata eccellente, per quantità e qualità degli acquisti: Bonucci, Conti e Musacchio in difesa, poi Biglia, Kessié e Calhanoglu a centrocampo. Manca solo una punta di peso, su cui Mirabelli e Fassone stanno lavorando, ma nel frattempo il taglio registrato sul Milan, in ottica scudetto, è clamoroso: i rossoneri erano a 16,00 alla vigilia della scorsa stagione, ora sono dati a 7,50 come terza favorita.Più contenuto il mercato dell’Inter (con gli arrivi di Borja Valero e Skriniar) che però, sotto la guida di Spalletti, ha stupito tutti battendo Bayern e Chelsea nelle amichevoli estive: quota in calo anche per i nerazzurri, passati da 12,00 a 10,00.
Precipita invece la Roma, l’anno scorso prima rivale della Juve, quest’anno solo in quinta piazza, con la quota quasi raddoppiata, da 6,50 a 11,00. I giallorossi hanno piazzato vari colpi in entrata (Kolarov, Defrel, Ünder, Pellegrini, Gonalons, Karsdorp e Moreno) ma pagano il cambio di allenatore (e le possibili difficoltà del primo anno) e soprattutto le cessioni importanti di Rüdiger, Paredes e Salah. Stabile, invece, l’altra squadra della Capitale: quota ferma a 51,00 per la Lazio che ha trovato il sostituto ideale di Biglia, prendendo Lucas Leiva dal Liverpool, e ha appena ufficializzato l’arrivo in attacco del colosso Caicedo.
“Bocciata” dai bookmaker, invece, la Fiorentina: i viola hanno perso pezzi pregiati (Bernardeschi e Borja Valero in primis, ma anche Josip Ilicic, andato all’Atalanta e presto Vecino, destinato all’Inter) e hanno visto quasi raddoppiata la quota scudetto, passata da 51,00 a 81,00 nel confronto con un anno fa. 
Infine, nota di merito per l’Atalanta, che non è proprio una delle pretendenti, ma grazie al campionato stupendo nel 2016 e a qualche rinforzo mirato, si è guadagnata un bel taglio sul tabellone scommesse, da 351 a 201. 
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

europa league milan quote snai

Europa League: Milan da Over in Macedonia nelle quote Snai

23/08/2017 | 14:50 ROMA -  Il 6-0 di San Siro ha chiuso sul nascere ogni disputa sulla qualificazione ai gironi di Europa League: domani il Milan, in casa dei macedoni dello Shkendija, dovrà solo confermare i progressi evidenziati in...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password