Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/12/2016 alle ore 18:12

Scommesse

30/09/2016 | 16:23

Gioco online, Mazza (Ceo Betaland): “A settembre 10 milioni di incassi nelle scommesse, casinò in crescita del 50%”

facebook twitter google pinterest
gioco online intervista mazza betaland

ROMA - Betaland è uno dei volti nuovi del mercato delle scommesse: protagonista della prima sanatoria nel 2015, ha poi acquisito 60 punti scommesse sanati da Wls nel 2016 e lanciato un sito che mostra numeri in grande crescita. Delle prospettive e dei risultati parliamo con il Ceo della società, Carmelo Mazza.

Mazza, quali sono i risultati – in termini di raccolta e marginalità – registrati da Betaland in questi mesi?

La nostra crescita è ancora evidente; abbiamo rivisto al rialzo le nostre percentuali e contiamo di avvicinare a settembre il tetto dei 10 milioni di raccolta sulle scommesse sportive online, con una crescita del 60% rispetto ai 6,4 di agosto. La marginalità è allineata al mercato e ci posizioniamo bel al di sotto della quota 90%, malgrado una politica aggressiva ma bilanciata sulle quote. Risultati che crediamo siano di tutto rispetto avendo iniziato solo nel mese di giugno con la raccolta online. Anche il casino ci sta dando soddisfazioni con un tasso di crescita del 50% tra agosto e settembre. Abbiamo ancora da migliorare tanto ma il mercato ci sta premiando con nostra grande soddisfazione.

Come sta il mercato delle scommesse, tra bandi di gara neanche avviati e raccolta illegale ancora presente e aggressiva?

Sono ottimista e vedo il mercato in buona salute. Preferisco vedere il bicchiere mezzo pieno grazie agli interventi che Adm ha fatto sui sistemi e sui palinsesti complementari, interventi che hanno sortito l'effetto di rafforzare il prodotto e renderlo più competitivo contro l'offerta illegale. Certo è un momento di scarsa chiarezza sul fronte della regolarizzazione complessiva e gli investimenti ne possono risentire. Ma noi siamo certi di una risoluzione di tutte le problematiche che stanno rallentando la pubblicazione del bando e attendiamo con fiducia. Circa l'offerta illegale, riteniamo che si debba proseguire nei miglioramenti del prodotto: ormai mi sembra difficile che gruppi strutturati possano pensare di investire in questo segmento. A poco a poco vedremo il fenomeno scemare, è solo questione di tempo.
 

(SEGUE)
 


Gioco online, Mazza (Ceo Betaland): “Tassazione sul margine favorisce investimenti nel settore, ora si proceda con il bando di gara”

A nove mesi dal varo della tassazione sul margine, qual è il vostro giudizio? Insieme alla liberalizzazione del palinsesto, consente davvero una gestione sana del banco?

Si tratta di un grande passo in avanti per la competitività del prodotto scommesse. E' stata una iniziativa lungimirante che ha il pregio di rafforzare le strutture aziendali serie e sane. Penso che i benefici saranno duraturi, anche in ordine all'ingresso ed agli investimenti di grandi operatori oggi alla finestra.

Avete aderito al primo condono: a quasi due anni dalla decisione, qual è il vostro giudizio sull’operazione, tenendo conto che nel frattempo un'altra sanatoria è stata varata dal Governo?

Il giudizio è senz'altro positivo. L'operazione ha consentito l'ingresso di soggetti forti che possono reggere l'impatto con la regolazione nazionale. Ormai tutti i punti sono pienamente compliant con la normativa dei Monopoli, tuttavia riteniamo che la stagione delle sanatorie debba adesso chiudersi e passare la mano al bando di commercializzazione. Questa sanatoria è stato un passaggio storico per tutto il settore: ma ora bisogna guardare avanti. Il mercato sta dando segnali positivi, si riaffacciano investitori finanziari ed industriali. 


 NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

betaland f1

F1, nelle quote Betaland è caccia all’erede di Rosberg

02/12/2016 | 17:58 ROMA - Cala il sipario sulla Formula 1 e su Nico Rosberg, che dopo la brillante vittoria del Mondiale ha deciso di ritirarsi. In casa Mercedes, come in lavagna, è già caccia al sostituto. Tra vecchie e nuove glorie, il...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password