Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 05/12/2016 alle ore 19:04

Slot & Vlt

30/06/2016 | 17:01

Slot e territorio, Astro in audizione al Comune di Ferrara: “Non solo restrizioni: esistono alternative”

facebook twitter google pinterest
Slot Astro Ferrara

ROMA - Le politiche di restrizione del gioco “hanno sempre un grande impatto mediatico ma raramente provocano quei benefici che ci si attende, e il gioco legale non fa eccezione: ovunque si sia agito contro l’apparecchio lecito, la problematica socio-sanitaria del gioco patologico si è aggravata, congiuntamente alla comparsa di congegni non autorizzati che camuffano la slot all’interno di postazioni self service per i servizi on line”. E’ quanto sottolinea in una nota l’associazione Astro: domani il consigliere Lorenzo Verona, responsabile per le questioni territoriali, incontrerà la Giunta del Comune di Ferrara, città dove ai primi di giugno è stata varata un’ordinanza di limitazione degli orari per gli apparecchi da gioco lecito, dalle 9 alle 13 e dalle 15,30 alle 21.

Interventi che non si limitano a introdurre restrizioni, si legge ancora “comportano meno visibilità, suscitano meno clamore, e soprattutto comportano l’accettazione di una sfida, perché si espongono alla verifica di esito di un lavoro o di un progetto”.

“Anche l’industria del gioco lecito finirebbe per accettare certe restrizioni, se ciò garantisse la risoluzione del problema - sottolinea ancora Astro - se bastasse, infatti, dimezzare il tempo di vendita dei prodotti e concentrare i punti vendita nelle zone ‘decentrate’ (che normalmente non annoverano parchi, chiese, scuole, centri di cura ecc. ecc.) per ‘disinnescare’ il conflitto coi territori, e vedersi finalmente riconosciuti dal Paese come ‘normale’ imprenditoria, il guadagno sarebbe già superiore al sacrificio.

A pagare lo scotto di questa ‘finzione’ tuttavia sarebbero solo i cittadini, i più fragili soprattutto, che nel loro bar tabacchi sotto casa non troverebbero più (o non lo troverebbero acceso) un congegno lecito e omologato con posta massima da un euro, ma veri e propri collettori di azzardo incontrollato.

A pagare sarebbero i cittadini che hanno quotidiano bisogno di una prevenzione al gioco patologico che può essere realizzata solo se esiste un gioco lecito e accessibile, sempre fruibile in un locale responsabilizzato e formato dove l’acquisto del servizio-gioco coincide con percezione di messaggi preventivi.

A pagare sarebbe il Territorio: come ci insegna l’esperienza del processo di Bologna ‘black monkey’, sono i computer (ovvero i dispositivi coi quali accedere ad internet) ad essere lo strumento privilegiato di lavoro della criminalità organizzata dedita alla coltivazione del ‘ramo gioco’: essi non richiedono autorizzazione, non sono ‘verificabili’, e si affermano facilmente nelle aree dove la slot legale è condannata allo spegnimento o all’allontanamento. Per questo motivo Astro ritiene di dover chiedere a tutti i Comuni che intendono varare (o hanno già adottato) una restrizione al gioco legale di dotarsi di una clausola di salvaguardia, un progetto complementare che consenta di abbinare alla lotta contro, un progetto ‘per’. Il progetto Astro ‘un gioco buono anche per il Territorio’ costituisce la prima realizzazione sistemica di questa idea e si concretizza in una sinergia operativa tra Istituzioni e Imprese: le prime dettano obiettivi e procedure, le seconde le mettono in campo”.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Sisal Winchef Firenze

Sisal Winchef, il 30 novembre quarta tappa a Firenze

29/11/2016 | 16:26 ROMA -  Saranno le principali sale Sisal Wincity d’Italia a fare da palcoscenico ai Winchef Contest, luoghi per osservare, assaggiare, imparare, ridere, per vivere insieme momenti culinari davvero intriganti e originali...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password