Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 13/12/2018 alle ore 20:25

Attualità e Politica

16/05/2018 | 11:29

Guardia di Finanza, Napoli: sequestrati 62mila “Gratta e Vinci” falsi per 550mila euro

facebook twitter google pinterest
Finanza Gratta e Vinci

ROMA - Oltre 62mila tagliandi “Gratta e Vinci” falsi, che riproducevano i biglietti in commercio dai 2 ai 20 euro e per un valore totale da 550mila euro: è il sequestro effettuato dal Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli.

I finanzieri hanno individuato una spedizione, proveniente dalla Turchia, con i tagliandi, si legge in un comunicato delle Fiamme Gialle, «suddivisi in 12 colli», che «viaggiavano sotto le mentite spoglie di “depliant e brochure” e riproducevano - per colore, grafica e dimensioni - i biglietti autentici delle lotterie istantanee “Il Miliardario”, “Il Miliardario Mega”, “Doppia Sfida”, “Numeri Fortunati”, “100x”, “50x”, “Super 7 ½”, “Super Portafortuna”, “Multibonus”, “Un Turista Per Sempre”, “Battaglia Navale”, “Tris Vincente”, “Uno tira l’altro” e “Buon Viaggio”».

Le spedizioni erano «indirizzate a soggetti indicati con false generalità», ma «l’attività investigativa e informativa tempestivamente condotta sul momento ha consentito di individuare non solo i reali destinatari dei biglietti contraffatti – identificati in un napoletano e una donna di origine rumena – ma anche le rispettive residenze, presso le quali sono state immediatamente eseguite le necessarie operazioni di perquisizione locale».

Nel corso dei controlli sono venuti inoltre alla luce i documenti - anche questi falsi - che attestavano «l’asserita legalità della provenienza dei “Gratta e Vinci”, mediante una fittizia attestazione» alla società concessionaria.

I falsi “Gratta e Vinci” «erano pronti per essere proposti al pubblico – attraverso il ricorso a canali tuttora in fase di identificazione – causando una distorsione del sistema del gioco e gravi mancati introiti per le casse dello Stato, per un ammontare complessivo di oltre 550 mila euro». I tagliandi sequestrati sono adesso «a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Napoli Nord, alla quale sono stati altresì deferiti i responsabili».

PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password