Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/11/2019 alle ore 19:00

Attualità e Politica

09/11/2019 | 11:17

Tribunale di Potenza, gioco illegale: cadono in prescrizione le accuse contro i fratelli Tancredi

facebook twitter google pinterest
Tribunale Potenza gioco illegale Tancredi

ROMA - Sono cadute in prescrizione le accuse della Procura di Potenza contro i due fratelli Tancredi, Antonio e Luigi (detto Gino), rinviati a giudizio insieme ad altri 14 persone per gioco abusivo nel 2016. Tra le contestazioni, che si riferivano ad un periodo antecedente al febbraio 2011, l’evasione fiscale e l’esercizio abusivo dell’attività di gioco: nei circoli associati, riporta il “Quotidiano del Sud”, sarebbero stati utilizzati soldi virtuali in cambio di contanti, inoltre le partite sarebbero state congegnate in modo che soltanto uno su settemila avrebbe potuto vincere. Ai fratelli – titolari di una società in Romania - sarebbe andato il 40% dei guadagni, ai master distrettuali il 10% e il resto ai locali, che gestivano anche il pagamento delle vincite cash. L’inchiesta – ora dichiarata prescritta dai giudici - aveva portato anche al sequestro di beni mobili e immobili a Potenza, Roma, Trevi e Bastia Umbra per 8 milioni di euro.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password