Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/09/2018 alle ore 20:35

Attualità e Politica

03/05/2018 | 18:07

Taglio slot, Astro: «Dall'azione delle Regioni buchi di bilancio, illegalità e disoccupazione» (1)

facebook twitter google pinterest
astro slot riduzione

ROMA - Il taglio delle slot previsto nella manovra dello scorso giugno non è stato bocciato dalla Ragioneria dello Stato, ma è «compiutamente attuato dal decreto del M.E.F. del 25 luglio 2017». Così una nota dell'associazione di gestori Astro replica all'articolo apparso questa mattina su “La Verità”. Nel pezzo si sosteneva, appunto, che la riduzione del 35% degli apparecchi fosse stata stoppata dalla Ragioneria perché priva di coperture e che se entrasse in vigore lascerebbe un buco di bilancio di almeno 2,8 miliardi all'anno. Non è così, la riduzione è già in pieno corso: «Entro il primo maggio – continua la nota di Astro - i Concessionari di rete telematica hanno individuato i congegni da eliminare conformemente alle rispettive priorità aziendali, ed entro i successivi 10-20 giorni dovranno eliminare quelli che l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli selezionerà come eventualmente ancora eccedenti rispetto al numero massimo di 265.000».

Ciò che in effetti la Ragioneria ha congelato «è il taglio dei punti vendita generalisti (bar e tabacchi) che l’accordo Stato-Enti locali prevedeva per consentire ai territori di stabilire dove accettare l’installazione delle 265 mila Awp (le slot, ndr) superstiti».

Ciò non vuol dire che il buco di bilancio non si produrrà. Anzi, le previsioni sono ancora più pessimistiche rispetto a quelle messe in evidenza da “La Verità”. Questo perché nel frattempo le Regioni e i Comuni stanno andando ben oltre la riduzione del 35%. «In nessuna Regione, infatti, ci si limita dall’espellere le awp vicino alle scuole medie, ma anche quelle distanti meno di 500 metri da bancomat, compro-oro, istituti di credito e postali, asili e scuole materne, università, caserme, impianti sportivi, strutture sanitarie di ogni tipo, e luoghi di aggregazione giovanile, nonché luoghi di culto». (segue)

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password