Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 17/10/2019 alle ore 13:08

Attualità e Politica

18/07/2019 | 13:57

Operazione “Galassia”, Cassazione: Tribunale di Reggio Calabria dovrà rivalutare custodia cautelare per ex manager SKS365

facebook twitter google pinterest
cassazione scomemsse sks365 decandia

ROMA - Il Tribunale di Reggio Calabria dovrà nuovamente rivalutare la possibilità della custodia cautelare in carcere per Giuseppe Decandia, ex dirigente del bookmaker SKS365 coinvolto nell'operazione "Galassia". È quanto si legge nel provvedimento pubblicato oggi che accoglie il ricorso presentato dalla Procura contro la decisione del Tribunale di scarcerare l'indagato, sette mesi fa. A Decandia era stato contestato di aver fatto parte «con il ruolo di capo» di una associazione a delinquere «allo scopo di commettere, attraverso la gestione della società SKS365 una pluralità di delitti in materia di esercizio abusivo di attività di gioco e scommesse, di dichiarazione infedele dei redditi e dell'iva, di truffa aggravata ai danni dello Stato, di riciclaggio, auto riciclaggio e reimpiego di proventi di delitto», con l'aggravante «di aver agito per agevolare le attività della 'ndrangheta». Proprio l'aggravante mafiosa è al centro del ricorso della Procura, secondo cui il Tribunale ha «omesso di considerare» i dati che provavano il coinvolgimento di Decandia nella gestione della rete di operatori calabresi. La Cassazione conferma che il provvedimento del Tribunale «appare gravemente viziato da una forma di manifesta illogicità» e «da contraddittorietà intrinseca». Pur avendo riconosciuto il pieno coinvolgimento nella creazione e nella gestione, assieme a Paolo Tavarelli e Ivana Ivanovic, della società SKS365, «il Tribunale del riesame ha escluso la ricorrenza dei gravi indizi a carico dello stesso Decandia in relazione al reato associativo contestatogli sostanzialmente per il fatto che egli non avrebbe avuto alcuna relazione diretta con i sodali che avevano gestito la rete dei punti per la raccolta clandestina in Calabria», e, dunque, «non potrebbe rispondere penalmente di condotte tenute da terzi, quasi che si trattasse di una "responsabilità da posizione"». Un ragionamento contraddittorio secondo i giudici supremi, «dato che lo stesso Tribunale aveva indicato come sussistente il rapporto tra quei 'calabresi' e Tavarelli» che aveva gestito la società insieme a Decandia. Sono state inoltre omesse le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, secondo cui fu proprio l'indagato «spingere per una espansione del mercato siciliano a quello calabrese». Tutti elementi che per la Cassazione meritano il rinvio al Tribunale di Reggio Calabria, che, con il nuovo esame dovrà colmare «le indicate lacune motivazionali».
La Cassazione ha poi confermato il carcere per Santo Furfaro, altro esponente di vertice dell'associazione a delinquere. In questo caso il Tribunale ha correttamente ricostruito la gravità indiziaria per l'accusa di associazione mafiosa. L'imprenditore - già coinvolto in altri procedimenti penali perché colluso con la 'ndrangheta - aveva collaborato attivamente per garantire al gruppo la protezione del clan Tegano, «in favore del quale era stato versato un contributo pari al 5% degli introiti delle giocate» e aveva stretti rapporti con la cosca. Visto il pericolo di recidiva, la Cassazione ha dato il suo ok alla custodia cautelare. LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password