Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 27/01/2020 alle ore 20:03

Attualità e Politica

17/12/2019 | 14:46

Operazione “Galassia”, dalla Cassazione nuovo no a custodia cautelare per ex manager di società scommesse: nessuna prova di legami con le cosche

facebook twitter google pinterest
operazione galassia cassazione scommesse

ROMA - Nuova bocciatura della Cassazione sull'accusa di associazione mafiosa formulata dalla Procura di Reggio Calabria contro Paolo Tavarelli, ex dirigente della società SKS365, coinvolto nell’operazione "Galassia" contro le infiltrazioni mafiosi nelle scommesse online. È quanto si legge nel provvedimento della Corte con cui è stato dichiarato inammissibile ricorso del procuratore calabrese contro la decisione del Tribunale di scarcerare l'imprenditore. La custodia cautelare era stata annullata lo scorso luglio, in seguito al primo provvedimento con cui la Cassazione aveva chiesto di rivalutare l'aggravante mafiosa. Le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia sulla presunta complicità dell'ex manager nel coinvolgimento mafioso sono, secondo i giudici supremi, rimaste «generiche», prive di riscontri» e in alcuni casi sono il «frutto di deduzioni» degli stessi collaboratori, che però non hanno fornito «alcuna prova circa la consapevolezza in capo a Tavarelli di agevolare la 'ndrangheta con la sua azione criminale». Su questi punti il Pubblico ministero aveva chiesto una nuova valutazione, che però, concludono i giudici, «non è consentita in sede di legittimità». LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password