Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 10/08/2022 alle ore 20:33

Attualità e Politica

28/06/2022 | 20:59

Apparecchi senza vincita in denaro, Minenna (Adm): "Stupefatto dalle fake news: l'Agenzia ha semplificato le norme, il settore ne era a conoscenza"

facebook twitter pinterest
Apparecchi senza vincita in denaro Minenna (Adm): Stupefatto dalle fake news: l'Agenzia ha semplificato le norme il settore ne era a conoscenza

ROMA - «Sono rimasto stupefatto della presa della fake news» sulla presunta equiparazione tra apparecchi senza vincita in denaro e slot machine. È quanto ha dichiarato sul "caso biliardini" il direttore generale dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Marcello Minenna, in audizione nella Commissione parlamentare di inchiesta sul gioco illegale e sulle disfunzioni del gioco pubblico. Nel corso dell'incontro, Minenna ha chiarito alcuni punti sulle polemiche montate nell'ultima settimana dopo la diffusione di informazioni inesatte sulla nuova regolamentazione del comparto. «Una proposta normativa che l'Agenzia ha veicolato in varie occasioni sulla regolamentazione degli apparecchi senza vincita in denaro è finalmente entrata nell'ordinamento italiano - ha ricordato Minenna parlando della legge di conversione del decreto Pnrr. Tale aggiornamento «Consentirà ad Adm di ordinare la tipologia di verifiche, nulla osta, autocertificazioni con una gradualità funzionale a rendere più moderno l'apparato di disciplina del settore». Il dg ha ricordato brevemente l'evoluzione delle norme: «Una prima regolamentazione è arrivata nel 2003, sono state stabilite delle autorizzazioni e su questa norma sono state date autorizzazioni a tutti gli apparecchi, funzionali a garantire le regole tecniche. Nel 2012 è stato emanato un ulteriore intervento normativo che aggiornava questi requisiti e le modalità di autorizzazione. Tale disciplina aveva una clausola di salvezza, ed era una norma dormiente, che di fatto non entrava in vigore». A causa del lockdown, «la riapertura avrebbe generato la riapertura di questa norma dormiente, con un aspetto problematico di questa gestione. Adm si è invece fatta promotrice di una innovazione normativa con una previsione inserita nel decreto agosto del 2020 che consentiva la regolamentazione da parte dell'Agenzia. Fu il primo passaggio per semplificare la disciplina, che poi è stata completata con il provvedimento (il Decreto Pnrr, ndr) di imminente entrata in vigore. In questo modo si garantiscono i requisiti di sicurezza previsti dalle regole tecniche». L'Agenzia, ha precisato Minenna, «non ha previsto previsto che il termine per le autocertificazioni fosse perentorio: chi è del settore ne era al corrente. Per questo sono rimasto stupefatto dalla presa delle fake news sull'argomento».
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password