Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/12/2021 alle ore 19:05

Attualità e Politica

10/11/2021 | 17:30

Betting on Sports Europe, Castaldo (Ceo Microgame): “L’Italia è il mercato più complesso a livello internazionale, siamo pronti per sbarco all’estero”

facebook twitter pinterest
Betting on Sports Europe Castaldo (Ceo Microgame): “L’Italia è il mercato più complesso a livello internazionale siamo pronti per sbarco all’estero”

ROMA - Tutti i fornitori di primo livello preferiscono i mercati stabili dal punto di vista normativo. I tempi del “far west” in giurisdizioni ancora non regolamentate sono ormai lontani. Microgame non è un’eccezione, spiega il Ceo della società, Marco Castaldo, in un panel durante “Betting on sports Europe” organizzato a Londra da Sbc. “Lavorare in mercati regolati è nel nostro dna, penso che l’Italia rappresenti il mercato più complesso a livello internazionale. Tutte le transazioni di gioco sono tracciate in real time, è l’unico posto dove ciò accade. Questo scenario rende il settore molto complesso ma ci fa anche dire che se riesci a gestire business in Italia, puoi farlo ovunque nel mondo. Attualmente forniamo servizi a circa 50 operatori, a 20 dei quali diamo un servizio completo. Buona parte del nostro lavoro è nel fornire supporto strategico e operativo ai nostri clienti, e ciò riguarda non solo il CRM e attività promozionali, ma anche la compliance, dalla consulenza generale alla gestione  delle certificazioni. L’insieme delle regole rende l’approccio all’Italia complicato ma non a Microgame, che ha una lunga e profonda esperienza”. 

Microgame sta guardando all’estero per lo sviluppo del proprio business. “Ci sono diversi livelli di complessità nella regolamentazione da mercato a mercato - conferma Castaldo - anche se il lato tecnologico non credo sia un gran problema per noi. Muovere verso un altro mercato, piuttosto, pone una grossa sfida per chi viene dall’estero, nella conoscenza dei giocatori e delle dinamiche del settore. Microgame fornisce un prodotto esportabile e il know-how tecnologico e ricerca partnership con operatori che possano contribuire il know-how locale.  È più importante scegliere il cliente del mercato geografico perché Il successo dipende fortemente dal potenziale che esprime localmente l’operatore e dalla qualità della relazione che si stabilisce tra i rispettivi team. 

Dal punto di vista tecnologico, per il nostro modello di servizio l’asset chiave è la piattaforma dei conti dì gioco, e la nostra, maturata in un ambiente come il mercato italiano, può andare ovunque. Questo, non solo perché la complessità a livello dì compliance si trova ai massimi nel nostro paese, ma anche perché in Italia, dovendo gestire tante modalità diverse dì distribuzione e marketing del gioco a distanza, abbiamo sviluppato e integrato un ampio e completo ventaglio dì strumenti accessori. Commentando la proverbiale complessità del mercato italiano, Castaldo la definisce “certamente una barriera” ma “non troppo spiacevole se sei già dentro il mercato, come siamo noi in Italia”. La prossima sfida è rappresentata dal fatto che l’Italia si sta muovendo verso il multi channel, un fenomeno accelerato dalla pandemia: “La regolazione è lì pronta a intervenire: land-based e online in Italia hanno norme diverse, prima o poi dovranno essere introdotte regole anche per la gestione del multichannel”, ha concluso.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password