Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 07/02/2023 alle ore 08:44

Attualità e Politica

20/12/2022 | 17:04

Giochi in Calabria, As.tro alla Commissione Affari istituzionali: "Nuova proposta di legge tutela la legalità, senza un intervento le attività in regola sono a rischio"

facebook twitter pinterest
Giochi in Calabria As.tro alla Commissione Affari istituzionali: Nuova proposta di legge tutela la legalità senza un intervento le attività in regola sono a rischio

ROMA - Ripensare l'approccio su distanziometro e limiti orari non solo per tutelare le aziende private, ma anche per salvaguardare la legalità e sviluppare strategie più efficaci contro il gioco patologico. A chiederlo è stata As.tro, nelle osservazioni inviate alla Commissione Affari Istituzionali del Consiglio Regionale della Calabria, dove oggi è stata discussa la proposta di modifica delle norme anti-ludopatia contenute nella legge per la promozione della legalità del 2018.

L'associazione si è concentrata in modo particolare sulle critiche arrivate nelle ultime settimane alla proposta di legge: «Sembrerebbe infatti che le modifiche di cui si discute determinerebbero una proliferazione incontrollata della sale da gioco e il venir meno di qualsiasi limite e controllo sulla gestione del fenomeno del gioco legale. In realtà - ha spiegato il presidente As.tro, Massimiliano Pucci - la finalità principale che emerge dal contenuto progetto di legge è quella di salvaguardare le attività» già esistenti alla data di entrata in vigore della legge per la promozione della legalità, «insidiatesi nel territorio calabrese in maniera del tutto legittima e che, senza alcun intervento correttivo, il 1° gennaio 2023 dovranno chiudere le saracinesche e lasciare a casa i propri dipendenti».

A inizio anno, infatti, era prevista la piena operatività delle norme sul distanziometro, stabilito a 300 metri dai luoghi sensibili per i Comuni sotto i 5 mila abitanti, e a 500 metri per i Comuni sopra i 5 mila. La proposta discussa oggi - tornata in Commissione dopo l'uscita dall'ordine del giorno del Consiglio regionale, la scorsa settimana - prevede lo stop delle attività di gioco dalle 24 alle 9 e l'applicazione delle norme solo per le concessioni rilasciate dopo il 28 aprile 2018. «Il limite delle distanze minime dai luoghi sensibili rimarrà invece per le nuove attività: quindi non ci sarà nessuna proliferazione selvaggia di sale giochi» ha fatto presente As.tro. La salvaguardia delle attività già esistenti non deve essere quindi considerato un "indebolimento della legalità". «A nostro avviso sarebbe invece l’espulsione del gioco legale dal territorio calabrese (che conseguirebbe alla mancata modifica della legge regionale) a eliminare dal territorio un presidio di legalità», ha proseguito Pucci. «La lotta alla dipendenza da gioco e la salvaguardia della legalità non possano essere condotte attraverso la radicalizzazione del confronto ideologico basato sulla contrapposizione proibizionismo/antiproibizionismo. Per elaborare delle soluzioni efficaci è invece necessario un confronto sereno, costruttivo e pragmatico», ha concluso.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password