Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 07/02/2023 alle ore 20:45

Attualità e Politica

05/01/2023 | 12:15

Lotteria Italia 2022, la tradizione tiene malgrado crisi e caro-bollette: venduti 6 milioni di biglietti, meno 5% rispetto al 2021

facebook twitter pinterest
Lotteria Italia 2022 la tradizione tiene malgrado crisi e caro bollette: venduti 6 milioni di biglietti meno 5 rispetto al 2021

ROMA - La guerra. Il flagello del caro bollette. L'onda lunga della crisi per la pandemia. L'inflazione. Sono i quattro punti della lieve frenata per le vendite della Lotteria Italia, uno dei giochi più amati dagli italiani. Che comunque resiste bene, grazie a un costo del biglietto ancora contenuto, alla diffusa campagna "Disegniamo la fortuna" promossa dall’Agenzia delle Dogane a favore degli enti del terzo settore e alla forza della tradizione. Secondo una stima elaborata da Agipronews, le vendite della tradizionale lotteria della Befana si assesteranno attorno ai 6 milioni di tagliandi, circa 400.000 mila in meno rispetto ai 6,4 milioni di biglietti del 2021 (- 5% e un deficit d'incasso pari a 2 milioni di euro), anno in cui la Lotteria Italia ha cavalcato la voglia di ripresa post-pandemica del Paese. 

Il difficile momento economico - complicato dall’aumento delle materie prime e dalle preoccupazioni per la guerra in corso - colpisce in parte anche la Lotteria Italia, frenata dal trend che vede in difficoltà tutto il settore del commercio, a causa dei rincari dei prezzi dell'energia che si abbattono sulle spese dei consumatori e dalla propensione generale al risparmio. D'altra parte, dati e proiezioni avevano già dipinto un futuro a tinte fosche anche per i classicissimi natalizi come il panettone che, secondo alcuni grandi brand del tradizionale dolce di Natale, ha dovuto affrontare un calo di vendite tra il 10 e il 15%, mentre il budget regali degli italiani sarebbe sceso, secondo una proiezione di Confcommercio, dai 169 euro a famiglia del 2021 ai 158 attuali. E, ancora, uno studio di Confesercenti insieme a SWG aveva già individuato un Natale all'insegna della spending review obbligatoria per il 2022. Il 60% degli italiani ha inquadrato le festività in negativo rispetto al 2021 e quasi il 50% degli intervistati aveva annunciato il taglio drastico dei regali, mentre il 25% progettava di spendere tra il 10 ed il 30% in meno per i doni sotto l'albero, con il 24% in procinto di ridurre oltre il 30%. La Lotteria Italia è da considerarsi, assolutamente, un bene di consumo natalizio legato al costume e alla tradizione e leggerne in controluce il calo rispetto a panettone o regali, appare corretto, rispetto allo scenario di crisi del nostro Paese, sebbene 6 milioni di biglietti venduti indichino in ogni caso come il rito degli italiani abbia resistito alla crisi peggiore del nuovo millennio dal 2008 a oggi.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password