Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 04/03/2021 alle ore 19:18

Estero

21/01/2021 | 17:41

Lotta al match fixing, ricorso respinto: confermata squalifica a vita per tennista cileno

facebook twitter pinterest
 Lotta al match fixing ricorso respinto: confermata squalifica a vita per tennista cileno

ROMA - Confermata la squalifica a vita per Mauricio Alvarez-Guzman. Il Tribunale Arbitrale dello Sport ha respinto il ricorso presentato dall'ex tennista professionista cileno dopo aver riscontrato infrazioni del Tennis Anti-Corruption Program (TACP). Si è scoperto che il giocatore aveva tentato di truccare il risultato di una partita ATP Challenger a Meerbusch, in Germania, nell'agosto 2016, offrendo a un giocatore 1.000 euro per perdere un set. 

Il CAS (Court of Arbitration for Sport) ha respinto dunque l'appello, affermando che la sanzione originale del divieto a giocare a vita rimane invariata ed è ancora in vigore. La sentenza arriva dopo che l'ITIA all'inizio di questo mese ha bandito giocatori da Egitto, Slovacchia e Uzbekistan per reati legati a scommesse sportive e partite truccate. La sentenza arriva dopo che l'ITIA (International Tennis Integrity Agency), ex TIU, all'inizio di questo mese ha bandito giocatori dell'Egitto, Slovacchia e Uzbekistan per reati legati a scommesse sportive e partite truccate. FT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password