Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/10/2019 alle ore 21:25

Estero

27/09/2019 | 15:36

Convenzione UE sul match fixing, anche la Nuova Zelanda potrebbe aderire

facebook twitter google pinterest
Convenzione UE match fixing Nuova Zelanda

ROMA - Sport New Zealand, l'autorità neozelandese che si occupa della promozione dello sport, ha pubblicato una serie di raccomandazioni su come migliorare l'integrità nel paese, inclusa una proposta al governo di firmare la Convenzione del Consiglio d'Europa sulla manipolazione delle competizioni sportive, nota anche come Convenzione di Macolin. Sport NZ ha affermato che il Paese sostiene l'intenzione generale della Convenzione, ma non l'ha ancora firmata poiché gli obblighi comporterebbero un costo per la Nuova Zelanda e, potenzialmente, anche dei cambiamenti legislativi. Tuttavia, ha aggiunto che il Governo istituisse un programma educativo sul fenomeno delle partite truccate «i costi aggiuntivi sarebbero minimi». Sport NZ ha già iniziato a lavorare sulla sperimentazione di un servizio indipendente di segnalazione, nonché sulla creazione di un archivio online centrale per le risorse sull'integrità dello sport. La pubblicazione delle raccomandazioni arriva in un momento di significativa riforma per il settore in Nuova Zelanda, con il Governo che - ad aprile - aveva annunciato una serie di misure progettate per rilanciare le corse dei cavalli e aveva avviato una consultazione pubblica sulla regolamentazione di nuove forme di gioco online.
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password