Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 10/08/2020 alle ore 19:02

Estero

16/07/2020 | 11:30

Giochi, Alexander (Ceo uscente GVC): "Forte performance in un semestre turbolento, guardiamo al futuro con fiducia"

facebook twitter google pinterest
Giochi Alexander Ceo GVC

ROMA - «Viste le straordinarie circostanze in cui il Gruppo opera attualmente, una crescita dei ricavi netti del gioco online a due cifre, in tutti i nostri principali mercati, rappresenta una chiara testimonianza della forza e della diversificazione del nostro modello di business, della qualità della nostra tecnologia, del fascino duraturo dei nostri marchi e del talento, dell'impegno e della professionalità del nostro personale». Lo ha detto l'amministratore delegato uscente di GVC Holdings, Kenneth Alexander, commentando i risultati del primo semestre 2020. «Tutto sommato, le nostre prestazioni in un primo semestre "turbolento" e la comprovata forza del nostro modello di business dimostrano che il Gruppo può guardare al futuro con fiducia», ha spiegato. «Abbiamo lavorato duramente per raggiungere il nostro obiettivo durante tutto il periodo di lockdown, che ha consentito al Gruppo di conservare la forza finanziaria necessaria per poter sfruttare le opportunità di crescita nel momento in cui si sono presentate. Il nostro aumento degli investimenti in BetMGM negli Stati Uniti ne è un esempio», ha aggiunto. 

«Durante questo periodo di misure di blocco in tutto il mondo, siamo stati consapevoli più che mai della nostra responsabilità nei confronti dei nostri clienti, a cui dobbiamo fornire l'ambiente più sicuro possibile. Continuiamo a fornire ai nostri clienti gli strumenti per gestire l'esperienza di gioco e implementiamo la nostra tecnologia per monitorare eventuali cambiamenti comportamentali potenzialmente problematici e intervenire secondo necessità», ha sottolineato l'amministratore delegato uscente (le dimissioni saranno effettive da domani, al suo posto ci sarà l'attuale direttore operativo, Shay Segev). «Siamo lieti che non vi siano prove di un aumento del gioco durante il lockdown e speriamo che questo aspetto venga preso in considerazione da coloro che invece preferiscono adottare approcci restrittivi, che rischiano di spingere i clienti nelle mani degli operatori illegali, come è successo in paesi in cui è stata introdotta una regolamentazione rigorosa e fuorviante», ha concluso. 
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password