Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 15/10/2018 alle ore 13:58

Estero

03/10/2018 | 14:27

Irlanda, il Governo pronto a raddoppiare le tasse sui giochi: si punta a 50 milioni di euro in tasse

facebook twitter google pinterest
Irlanda

ROMA - Raddoppiare le tasse sul gioco dall’1 al 2% calcolato sulla raccolta, per ottenere entrate da almeno 50 milioni di euro l’anno: è la misura che avrebbe intenzione di adottare il Governo irlandese nella prossima manovra finanziaria, che inizierà il proprio iter a partire dalla prossima settimana. Parte delle nuove entrate dovrebbero essere utilizzate per progetti di prevenzione e responsabilizzazione sul gioco problematico. Una mossa che - secondo le aziende - porterebbe a una dura crisi per il settore, con la chiusura di numerose attività. «Abbiamo calcolato che anche un betting shop di medio fatturato, ad esempio con un turn over da 2 milioni di euro l’anno, già adesso paga in tasse sei volte i profitti netti - dice Sharon Byrne, presidente della Irish Bookmaker Association (Iba) - un innalzamento al 2% significherebbe azzerare i profitti e anzi, lavorare in perdita se il margine fosse inferiore al 12% del totale». Un intervento che si inserisce in un contesto ritenuto già critico per il settore: la Iba ha calcolato che negli ultimi dieci anni hanno chiuso i battenti circa 500 betting shop, con la perdita di 2.500 posti di lavoro. In Irlanda gli operatori non possono scalare l’iva dagli acquisti e inoltre nei betting shops è vietato installare i terminali tipo Fobts, riducendo i possibili volumi di gioco. A luglio, inoltre, è stata avanzata la proposta di un divieto totale per l’advertising e le pubblicità legate al gambling.

PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password