Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/07/2019 alle ore 20:52

Estero

18/04/2019 | 10:06

Nevada, Las Vegas Sands chiude contenzioso privato su Macao: pagati 96 milioni di dollari

facebook twitter google pinterest
Macao Las Vegas Sands nevada

ROMA - Il gruppo internazionale Las Vegas Sands, attivo nel settore dei casinò, ha pagato 96 milioni di dollari (oltre 85 milioni di euro) per chiudere un contenzioso sollevato 15 anni fa sull’apertura del suo primo resort a Macao, con il giudizio arrivato di fronte ai giudici del Nevada, sede legale dell’azienda. A beneficiare del pagamento Richard Suen, uomo d’affari di Hong Kong che aveva collaborato con l’azienda per l’apertura del primo resort a Macao. Il pagamento è stato classificato come «accordo legale non ricorrente» nell’ultimo report trimestrale dell’azienda. Nel 2008 i giudici del Nevada avevano sanzionato l’azienda per 44 milioni di dollari, saliti a 70 milioni in appello, in entrambi i casi Las Vegas Sands aveva contestato la decisione, la Suprema Corte del Nevada ha invece ritenuto i giudizi legittimi, ma nel 2016 era stata rinviata la vicenda a una nuova giuria per ridefinire l’importo. Suen ha contestato all’azienda il mancato rispetto di un accordo - non formalizzato però con un contratto - che prevedeva per la sua collaborazione nell’apertura del resort di Macao un pagamento di 5 milioni di dollari, oltre al 2% dei profitti nei successivi 18 anni. Attualmente Las Vegas Sands gestisce cinque casinò nell’enclave cinese, unico territorio dove il gioco d’azzardo è legale nel Paese.

PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password