Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/07/2022 alle ore 20:45

Estero

10/05/2022 | 11:20

Match fixing, tennis: sei giocatori spagnoli squalificati per partite truccate

facebook twitter pinterest
Match fixing tennis spagnoli partite truccate

ROMA - L'International Tennis Integrity Agency (ITIA) ha confermato che sei tennisti spagnoli sono stati squalificati dopo essere stati condannati penalmente dal tribunale spagnolo per partite truccate. Marc Fornell Mestres, Jorge Marse Vidri, Carlos Ortega, Jaime Ortega, Marcos Torralbo e Pedro Bernabe Franco si sono dichiarati colpevoli di corruzione e sono stati condannati in Spagna nell'ambito di un processo più ampio che coinvolge la criminalità organizzata, che è tuttora in corso. Il verdetto segna la fine di un'indagine durata 5 anni che ha coinvolto l'ITIA, le forze dell'ordine spagnole e l'International Betting Integrity Association (IBIA).
Una volta chiusa la causa penale, l'ITIA ha potuto sanzionare i giocatori e ha scelto di imporre sia lunghe squalifica che sanzioni pecuniarie. 
Mestres è stato squalificato dal tennis per un totale di 22 anni e sei mesi e multato per 250.000 dollari, mentre Vidri è stato squalificato per 15 anni e multato di 15.000 dollari e Carlos Ortega è stato squalificato per 15 anni e multato di 150.000 dollari.  Jaime Ortega è stato squalificato per sette anni e mezzo con una multa di 100.000 dollari, mentre per Tarralbo è stato emesso un divieto di 15 anni (con una sanzione da 100mila dollari). Infine Franco è stato bandito dal tennis per 15 anni e multato di 100.000 dollari. A tutti e sei i giocatori è vietato giocare o partecipare a qualsiasi evento di tennis autorizzato da qualsiasi organo di governo del tennis internazionale per la durata della loro squalifica e non potranno neanche allenare nel professionismo.
MSC/Agipro

Foto Credits freimageslive.co.uk stockmedia.cc CC BY 3.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password