Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 24/05/2018 alle ore 11:43

Estero

02/05/2018 | 18:04

Olanda, il Consiglio di Stato: “Il monopolio sulle lotterie deve essere motivato”

facebook twitter google pinterest
Olanda

ROMA - Le autorità di gioco olandesi dovranno motivare adeguatamente le restrizioni all’offerta, che prevedono un unico operatore statale per l’offerta di lotterie, ma non ad esempio per le lotterie di beneficenza, che prevedono l’assegnazione di più licenze: è quanto ha stabilito il Raad van State - massimo organo di giustizia amministrativa, equiparabile al Consiglio di Stato - in merito al ricorso presentato da alcuni operatori contro la gestione della Nederlandse Loterij, azienda a controllo statale. Tutto parte dalla riassegnazione senza gara delle lotterie, avvenuta nel 2014: a novembre del 2016 il tribunale amministrativo di Den Haag aveva accolto il ricorso, chiedendo di riassegnare la concessione tramite gara pubblica, a luglio del 2017 il caso è invece passato al Consiglio di Stato, che oggi chiede maggiore chiarezza e precisazioni alle autorità di gioco. I giudici hanno invece ritenuto adeguatamente motivate le restrizioni adottate per altri tipi di gioco, come le scommesse fisiche e le lotterie istantanee.

I dubbi sollevati dal Consiglio di Stato sulla concessione per le lotterie «sono corretti. La sentenza non solo sottolinea l'importanza fondamentale di procedimenti di gara trasparenti, ma anche la necessità di modernizzare le leggi olandesi sul gioco e la regolamentazione del mercato online» dice Maarten Haijer, Segretario Generale dell'European Gaming and Betting Association (EGBA). La regolamentazione del settore «è l'unico modo per garantire la canalizzazione dell’offerta, che il Consiglio di Stato identifica correttamente come lo strumento chiave per ottenere la migliore protezione del consumatore - prosegue - Continuiamo a sostenere il processo legislativo in corso per regolamentare il mercato del gioco online in quanto l'esperienza di altri paesi dell'UE dimostra che un sistema che prevede più licenze è il miglior modo di fornire ai consumatori un'offerta online regolamentata».

PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Giochi Cherry amministratore delegato insider trading

Giochi, Cherry: l'ad Holmgren in manette per insider trading

23/05/2018 | 11:40 ROMA - Anders Holmgren, amministratore delegato di Cherry e cofondatore di Betsson, è stato arrestato in Svezia per sospetto di abuso di informazioni privilegiate e, se le accuse fossero confermate, rischia fino a sei anni di...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password