Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/08/2018 alle ore 10:00

Estero

13/03/2018 | 11:42

Scommesse sportive, Usa: puntate per 10 miliardi di dollari sulla “March Madness” di basket, legali solo il 3%

facebook twitter google pinterest
Scommesse sportive Usa

Scommesse sportive, Usa: puntate per 10 miliardi di dollari sulla “March Madness” di basket, legali solo il 3%

ROMA - Gli scommettitori statunitensi punteranno in totale oltre 10 miliardi di dollari (oltre 8 miliardi di euro) sulla “March Madness”, il torneo di basket fra i college americani, ma solo il 3% di queste giocate finirà nel circuito dei bookmaker legali, principalmente quelli con sede in Nevada, unico Stato dove le puntate sportive sono regolamentate: è la stima effettuata dalla American Gaming Association, che da anni spinge per una legalizzazione del gioco nei singoli Stati. Attualmente il gioco sullo sport è vietato dalle leggi federali, ma nei prossimi mesi la Corte Suprema - su ricorso del New Jersey - potrebbe consentire le puntate.

Il possibile cambio di scenario è stato già preso in considerazione da alcune leghe professionistiche, come la NBA o la NFL, che hanno abbandonato le posizioni di assoluta contrarietà in vista della partenza del business, mentre proprio la NCAA, la federazione che riunisce i campionati a livello universitario e nei college, ha detto che l’80% dei suoi dirigenti locali è contrario alla legalizzazione.

A dicembre dello scorso anno è stato discusso il ricorso presentato dal New Jersey - appoggiato anche da Mississippi e Connecticut - contro il divieto sulle scommesse sportive contenuto nel Professional and Amateur Sports Protection Act (Paspa). Il blocco risale al 1992: il Paspa non consente ai singoli stati l’apertura delle scommesse, a eccezione di Nevada, Oregon, Montana e Delaware. Solo il Nevada, però, ha effettivamente dato il via alle giocate. La richiesta di intervento della Corte è stata avanzata dal governatore del New Jersey, Chris Christie, e punta a ottenere la regolamentazione delle giocate sullo sport, dopo che sono già state autorizzate le giocate online per poker e casinò.


Il volume d’affari delle scommesse sportive illegali negli Stati Uniti d’America - secondo un’analisi della società H2 Gambling Capital - è di oltre 196 miliardi di dollari l’anno, circa 165 miliardi di euro, pari al 97% di tutte le giocate effettuate dai cittadini Usa, mentre al netto delle vincite il margine è stato di 10,4 miliardi di dollari, circa 8,8 miliardi di euro. Secondo la American Gaming Association, lo scorso 54 milioni di americani hanno effettuato almeno una scommessa, circa un quarto della popolazione adulta.

PG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password