Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 15/12/2018 alle ore 11:45

Estero

05/11/2018 | 16:00

UK, pubblicità: Sky taglia gli spot sul gioco d'azzardo

facebook twitter google pinterest
UK pubblicità Sky gioco azzardo

ROMA - L'emittente britannica Sky taglierà il numero di spot sul gioco d'azzardo, fissando un limite sui sui canali (tra cui Sky Sports) dall'inizio della prossima stagione della Premier League, ad agosto. Il taglio degli spot coinvolgerà anche altri canali per i quali Sky vende spazi pubblicitari, incluso Channel 5, che appartiene al gigante statunitense Viacom.
Stephen van Rooyen, amministratore delegato di Sky nel Regno Unito e in Irlanda, ha dichiarato di voler proteggere le persone vulnerabili, ma ha sottolineato i rischi della pubblicità online. «Grazie alla regolamentazione, la TV è stata a lungo uno spazio sicuro, e questi cambiamenti lo renderanno ancora più sicuro, ma il pericolo reale è online e lo sarà fino a quando le piattaforme online non saranno regolate rigidamente come la TV». Per il segretario alla Cultura, Jeremy Wright, le restrizioni proposte da Sky sono state «un'iniziativa importante e molto gradita, che proteggerà meglio le persone vulnerabili dai danni legati al gioco. Incoraggio fortemente le altre emittenti a seguire Sky», ha aggiunto. Del 2020, Sky introdurrà - per i clienti interessati - la possibilità bloccare tutti gli spot di giochi su 140 canali, tra cui Sky Sports. Gli spot durante le partite in diretta sono molto richiesti tra i bookmaker che cercano di incoraggiare le scommesse live. L'emittente, che al momento trasmette fino a quattro spot di scommesse durante ogni interruzione pubblicitaria sui suoi canali, ha detto che l'iniziativa avrebbe inciso sulle entrate, ma non ha fornito ulteriori dettagli; gli esperti del settore stimano che le restrizioni potrebbero costare a Sky fino a 100 milioni di sterline di entrate annuali. Le restrizioni potrebbero far aumentare il prezzo degli spot per gli operatori, dato che il numero di spazi messi all'asta è limitato.
Secondo Nielsen, tra il 2012 e il 2017 l'industria del gioco ha speso un totale di 1,4 miliardi di sterline in pubblicità. Di questi, 430 milioni di sterline sono stati spesi per promuovere le scommesse.
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password