Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/11/2019 alle ore 16:20

Estero

05/09/2019 | 14:00

Gioco online, le Filippine dicono no al divieto totale chiesto dalla Cina

facebook twitter google pinterest
gioco online filippine cina

ROMA - Il presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, ha annunciato che non accoglierà la richiesta della Cina di fermare l'attività degli operatori di gioco offshore. È quanto riporta IGamingBusiness. Dopo la visita ufficiale di in Cina, durante la quale c'è stato l'incontro con presidente Xi Jinping, Duterte ha spiegato che lo stop totale agli operatori offshore filippini (POGO) comporterebbe una consistente perdita di posti di lavoro.
«Abbiamo bisogno di questo tipo di attività, che in ogni caso è controllata dal Governo», ha detto Duterte. Il presidente ha tuttavia lanciato un avvertimento gli operatori illegali e ha ricordato ai POGO l'obbligo di pagare le tasse.
La pressione della Cina sulle nazioni del sud-est asiatico contro il gioco d'azzardo online è cresciuta negli ultimi mesi, e il regolatore filippino del gioco -  la Philippine Amusement and Gaming Corporation (PAGCOR) - aveva già sospeso l'emissione di nuove licenze. La Cina ha successivamente chiesto il divieto totale, sostenendo che gli operatori filippini attirerebbero illegalmente i giocatori cinesi. Il settore impiega anche migliaia di cittadini cinesi nelle Filippine, fornendo un servizio clienti in mandarino ai giocatori sulla terraferma. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password