Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/11/2019 alle ore 16:20

Estero

14/10/2019 | 18:25

Brexit, la MGA agli operatori britannici: per avere la licenza maltese servirà una sede nello Spazio economico europeo

facebook twitter google pinterest
malta giochi brexit

ROMA - Gli operatori di gioco britannici dovranno assicurare di avere una sede nello Spazio economico europeo per mantenere la licenza maltese dopo la Brexit. È quanto ha comunicato la Malta Gaming Authority in vista del 31 ottobre, scadenza prevista per l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea. La MGA ha ricordato che la legge maltese prevede che il titolare della licenza «sia stabilito all'interno dello Spazio economico europeo»; se il Regno Unito non rimanesse nell'area dopo la Brexit, gli operatori britannici saranno tenuti ad adottare «le misure necessarie per garantire che la società detentrice della licenza soddisfi questo requisito». Due le opzioni previste: il trasferimento della licenza a un'altra società dello stesso gruppo, oppure la domiciliazione in una nuova sede. Modifiche in vista anche per gli operatori che non hanno la licenza, ma che forniscono un servizio sul territorio o per il territorio maltese. In questo caso sarà necessario chiedere un documento "di riconoscimento" al Regno Unito, prima dell'uscita dalla Ue, che varrà per 12 mesi; al termine di questi, sarà obbligatorio richiedere la licenza oppure una nuova attestazione basata su una licenza Ue di un altro paese. LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password