Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 16/07/2018 alle ore 22:34

Estero

17/01/2018 | 14:40

Polonia, la denuncia dei bookmaker: «60% del mercato in mano a operatori illegali»

facebook twitter google pinterest
polonia scommesse

ROMA - Il 60% del mercato polacco delle scommesse è in mano a operatori non autorizzati. È quanto si legge in un report diffuso da “Legalny Bukmacher”, l’associazione che raccoglie i bookmaker con regolare licenza. Le misure di prevenzione del Governo, che ha stilato una black list dei domini bloccati, non sono sufficienti sostiene lo studio. Attualmente i siti inaccessibili sono circa 1.200, ma la lista è ancora incompleta e non viene aggiornata abbastanza frequentemente, lamentano i bookmaker polacchi. I quali sostengono, inoltre, l’urgenza di rendere più efficienti le misure di contrasto al gioco non autorizzato (compreso il blocco dei pagamenti e delle transazioni), al fine di «ridurre l’area grigia attualmente esistente e rendere il mercato più competitivo per gli operatori autorizzati». Le nuove misure in tema di scommesse sono state introdotte nel dicembre del 2016 assieme al cambio della tassazione, passata al 12% sul volume di gioco, una delle più alte in Europa. Un provvedimento che ha causato l’uscita di molti grandi player dal mercato polacco, ma ha comunque prodotto effetti positivi per l’erario, facendo salire a oltre 94 milioni di euro il prelievo. Se il blocco verso gli operatori esteri fosse stato totale, dicono infine i membri di Legalny Bukmacher, la cifra sarebbe potuta salire fino a oltre 142 milioni. AG/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password