Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 10/04/2021 alle ore 20:51

Estero

15/12/2020 | 17:15

Svezia, l'Egba contro le proposte della Commissione per il gioco: "Limiti di spesa e divieto di pubblicità favoriscono gli operatori illegali"

facebook twitter pinterest
svezia egba gioco pubblicità limiti

ROMA - Le proposte presentate al governo svedese dalla Commissione per il mercato del gioco del paese potrebbero aumentare i rischi per i giocatori, anziché tutelarli. È quanto sostiene l'European Gaming and Betting Association dopo la pubblicazione del rapporto commissionato a giugno 2018. Le maggiori perplessità della Egba riguardano i limiti di deposito per i giochi da casinò a 500 corone (490 euro circa), un tetto che la Commissione vorrebbe rendere permanente: tale decisione, secondo l'associazione, potrebbe favorire gli operatori non regolamentati, una problematica già sollevata quando la norma è stata introdotta. Molto simile la questione sui limiti alla pubblicità dei prodotti di gioco, che secondo le proposte della Commissione dovrebbe essere vietata dalle 6 alle 21. La maggior parte degli svedesi, ha spiegato l'Egba, non è ancora consapevole delle differenze tra mercato autorizzato e non autorizzato; da un recente sondaggio dell'autorità Spelinspektionen era emerso che solo il 5% degli intervistati sapeva come distinguere un sito di gioco autorizzato da uno illegale. 
«Egba è consapevole dell'importanza di tutelare i clienti e studiamo di continuo cosa possiamo fare di più. Fondamentalmente, però, il modo migliore per proteggere i consumatori è garantire che giochino nel mercato regolamentato - ha spiegato Maarten Haijer, segretario generale dell'associazione - Le maggiori restrizioni sul mercato svedese canalizzeranno il gioco sul mercato nero: nonostante le migliori intenzioni, tutto ciò sarebbe controproducente e danneggerebbe la sicurezza del giocatore». LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password