Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 09/12/2021 alle ore 14:51

Giochi & Finanza

27/05/2021 | 17:13

Giochi, Uk: effetto Covid, crolla la spesa (-58%) e diminuiscono i punti gioco

facebook twitter pinterest
Giochi Uk effetto Covid spesa punti gioco

ROMA - Effetto Covid sul settore giochi nel Regno Unito: la spesa complessiva crolla del 58% e diminuiscono i punti gioco sul territorio, a causa del lungo lockdown che - anche Oltremanica - ha costretto alla chiusura sale giochi, scommesse e bingo. 
La Gambling Commission britannica rileva un calo significativo della spesa dei giocatori su base annua: nei sei mesi da aprile a settembre 2020, la spesa è stata pari a 5,89 miliardi di sterline mentre, tra aprile 2019 e marzo 2020, era stata di 14,12 miliardi. 
Il settore retail è stato particolarmente penalizzato dalle chiusure e dalle restrizioni introdotte per il contenimento della diffusione della pandemia di Covid, mentre l'online ha registrato una crescita del 9,6%, con la spesa che sale dai 2,81 miliardi del periodo aprile-settembre 2019 ai 3,08 miliardi di sterline del 2020. 
Di questi, 1,94 miliardi arrivano dai casinò online (+22,7%), il settore più redditizio. Le scommesse sportive si piazzano al secondo posto, con 1,04 miliardi di sterline online (-8,8%, principalmente a causa della sospensione degli eventi sportivi) e con 629,3 milioni di sterline nel canale retail (un calo drastico rispetto ai 2,41 miliardi di sterline incassati nei punti vendita durante l'anno precedente).  

La National Lottery ha incassato 1,61 miliardi di sterline. Altre lotterie, sia online che retail, hanno fruttato altri 310,5 milioni di sterline, mentre il bingo ha raccolto 98,1 milioni online (+6,2%) e 92 milioni nelle sale (rispetto ai 575,2 milioni di sterline tra aprile 2019 e marzo 2020). I casinò invece hanno incassato solo 67 milioni nei sei mesi.
In totale, nel periodo sono stati registrati 15,3 milioni di nuovi account di gioco online, ma il numero complessivo di account attivi è leggermente diminuito dai 31 milioni di settembre 2019 ai 30,7 milioni di settembre 2020.
Il numero di operatori attivi nel mercato è calato dai 2.689 di marzo 2019 ai 2.577 di marzo 2020, fino ai 2.522 di settembre 2020. Nello stesso periodo, il numero di operatori che offrono diversi prodotti di gioco è leggermente sceso da 381 a 379.
Il numero di punti gioco è diminuito dai 10.128 di marzo 2020 ai 9.036 di settembre, con una riduzione del 10,8%. Delle sedi attive, 6.735 sono agenzie di scommesse, in calo del 12,3%, e 1.390 sono sale giochi, -4,2%.
Il numero di casinò attivi è calato da 156 a 131 tra marzo e settembre, mentre il numero di sale bingo è sceso da 648 a 601. Il numero medio degli apparecchi da gioco in Gran Bretagna è calato dalle 186.832 macchine tra aprile 2019 e marzo 2020 alle 116.333 tra aprile e settembre 2020, con una riduzione del 37,7%.
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password