Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/09/2021 alle ore 15:35

Giochi & Finanza

02/06/2021 | 17:40

Gioco online, Germania: stallo sulla tassazione al 5,3%, la Commissione Ue chiede chiarimenti

facebook twitter pinterest
Gioco online Germania tassazione Commissione Ue

ROMA - Un intervento della Commissione europea potrebbe costringere il Bundesrat, il consiglio federale tedesco, a ritardare il voto finale sulla proposta di tassazione al 5,3% sulle puntate delle slot online e del poker.
La tassazione è la questione in sospeso che i governi statali tedeschi devono risolvere perché tutte le disposizioni del trattato interstatale sul gioco vengano effettivamente convertite in legge. I Lander devono concordare la misura entro il 7 giugno, affinché il Bundestag possa elaborare la legislazione come condizione federale del trattato interstatale, che entrerà in vigore il 1 luglio.
Tuttavia, le associazioni tedesche del settore del gioco online hanno presentato un ricorso contro la tassazione, che sarebbe «conforme agli aiuti di Stato europei»: secondo la loro interpretazione, il Bundesrat avrebbe applicato un «trattamento fiscale differenziato» per slot e poker, portando a condizioni di mercato favorevoli per gli operatori di casinò di proprietà statale.

 La Commissione Europea, quindi, chiederà un chiarimento al Bundesrat: l'indagine potrebbe costringere il consiglio federale a ritardare il voto sulla tassazione di un altro anno visto che, dopo la pausa estiva, i Lander tedeschi dovranno prepararsi per le elezioni federali del 17 settembre. Le associazioni di categoria hanno sottolineato che la proroga di un anno permetterebbe alle parti interessate di arrivare a una soluzione equa sulla tassazione per casinò e poker online. Indipendentemente dall'esito "sospeso" della proposta sulla tassazione, il Bundestag sostiene che il nuovo regime di gioco online della Germania verrà lanciato il 1° luglio.
La Commissione Europea aveva precedentemente avvertito il Bundesrat di porre fine alle misure di protezione più restrittive per i giocatori durante la fase di sviluppo del nuovo trattato. Nonostante le obiezioni, i legislatori tedeschi avevano scelto di mantenere severe direttive sulla protezione dei giocatori, applicando un limite di deposito mensile di 1.000 euro a tutti gli operatori e un limite di puntata di un euro sulle slot.
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password