Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/09/2022 alle ore 08:30

Ippica & equitazione

21/09/2022 | 08:30

Ippica, all’Ippodromo Snai La Maura è Cambogia a vincere il Trofeo dedicato al ‘Mago del trotto’ Hans Fromming

facebook twitter pinterest
ALL’IPPODROMO SNAI LA MAURA È CAMBOGIA A VINCERE IL TROFEO DEDICATO AL ‘MAGO DEL TROTTO’ HANS FROMMING

ROMA - All'Ippodromo Snai La Maura interessante riunione di corse con un martedì pomeriggio che è stato incentrato sul Trofeo intitolato a Hans Fromming, il leggendario “omino di Amburgo” che ha scritto grandi pagine di storia del trotto: protagonisti i trottatori di 4 anni in una formula che prevedeva due batterie e finale. Guidata con grande senso del traguardo da Andrea Guzzinati, Crystal Ross si imponeva nel Premio Hit Song, la prima prova del trofeo: il driver torinese muoveva solo in retta, e la figlia di Nad Al Sheba rispondeva piazzando rush travolgente con cui piegava la generosa Cardenas Baba, che a metà retta si era sbarazzata di Charlotte Grif, in calo dopo un km a tutto gas (1.11.7). Terza dal via, Cambogia risparmiava saggiamente energie per la finale limitandosi a rimontare Charlotte Grif per il terzo posto, mentre Cocochanel Treb (molto appoggiata) finiva bene al quinto posto conquistando l’ultimo pass. Nel Premio Nike Hanover, la seconda prova di qualificazione, faceva un gran numero Cherry Top, alla prima uscita per il training di Mauro Baroncini: caricato “a pallettoni” dal gran ritmo di corsa imposto dal battistrada Coeur Joyeuse (km in 1.11.2), il portacolori di Pasquale Brisciano muoveva ai 600 finali dalla quarta posizione, sorvolava sull’ultima curva il battistrada e si staccava imperioso per chiudere al nuovo personale di 1.11.5. Coeur Joyeuse accusava lo sforzo e sul palo era bruciato anche per il secondo posto da Capoclasse Italia, per l’en plein del Divignano Team: Camelia Jet e Clown Regal erano gli altri qualificati. La prestazione super prodotta in batteria da Cherry Top valeva al figlio di Igor Font il ruolo di netto favorito per la finalissima, nonostante la proposizione lo chiamasse a rendere venti metri ai soggetti qualificatisi nella prima tornata, e tra questi Cambogia. Proprio la cavalla di Pippo Gubellini (due successi nel pomeriggio), presentata senza i quattro ferri, mostrava tutto un altro volto nell’atto conclusivo: decisa a correre al comando, la figlia di Cantab Hall andava via a passo regolare completando metà corsa in 59.3, si faceva avvicinare dal rivale ma con mezzo miglio finale volato in 57 secchi sapeva ribattere sino in fondo svettando a media di 1.13.5 sui 1650 metri. Cherry Top sull’ultima curva sembrava viaggiare decisamente meglio della battistrada, ma in retta non riusciva nel sorpasso: ha poco comunque da rimproverarsi, considerato che ha trottato in 1.12.8 sui 1670 metri. Clown Regal per buchi conquistava il terzo posto rimontando Cardenas Baba. Riservava non poche sorprese il Premio Takes Chances, la prova tecnicamente più interessante del pomeriggio che vedeva sei anziani di cat. A/B a confronto sul miglio: il ritiro di Bullo Gec ha sicuramente mescolato le carte, permettendo alla veloce Bora La Torre, scortata dal compagno di training Zarrazza Italia di completare un primo km addirittura in 1.15 e frazioni: ma la battistrada in retta si è inaspettatamente “afflosciata” penalizzando anche l’altro Baroncini Becoming che ne ha subito il calo. A giocarsi la vittoria sono stati così Alcide Roc e Ziguli dei Greppi, invece impegnati per corsie esterne e così liberi di piazzare lo speed: il portacolori della Sant’Eusebio con Filippo Rocca in sediolo, in retta è passato “sul burro” ma si è comunque dovuto guardare dal finish di Ziguli dei Greppi, finita forte a mettere qualche brivido al vincitore. Anche Vesna ha pagato lo svolgimento: dopo aver provato la partenza, la portacolori della Indal si era sistemata in terza posizione e lì è rimasta intrappolata sino a metà retta, liberandosi in tempo solo per conquistare il terzo posto.

Gentlemen in apertura di riunione impegnati nel Premio Quelregina con cavalli di 3 anni. Ivan Convertini in sediolo a Desiderato Fb era bravo a sfruttare l’errore sulla prima curva di Donghi per filtrare in testa dal’8: una volta al comando, il cavallo di Mauro Baroncini imponeva ritmo insostenibile per i rivali e si imponeva per distacco a media di 1.15.4. Impiegata all’attesa, Dakota Fanning emergeva al secondo posto su Diamante Dorial mentre l’atteso Denver Roc finiva subito fuori corsa. Cavalli di 2 anni a caccia della prima vittoria nel Premio Self Possessed. Dei due allievi di Pippo Gubellini, si guardava in particolare a Evergreen Car, autrice di bel debutto, invece a vincere era la compagna di training Extra Wind, che d’altronde aveva il “titolare” in sediolo: la figlia di Maharajah muoveva sul penultimo rettilineo, avvicinava progressivamente la testa della corsa e in retta proponeva le battute migliori, regolando Edy Ido, secondo dal via, e appunto la compagna di box Evergreen Car, poco incisiva in retta dopo aver menato le danze. Andava male ai due allievi di Mauro Baroncini, con l’errore iniziale di Eton di Poggio e quello sulla penultima curva dell’attesa East Asia, quando stava provando a muovere sulla testa della corsa. Prima vittoria in versione “Gocciadoro” per la qualitativa Ambra Grif nel Premio Mystic Park, la prova sul miglio per anziani di cat. E. In una compagnia che le sta sicuramente “stretta”, la figlia di Varenne ha forzato in avvio per conquistare il comando e così dopo 400 metri il più era fatto: trottando la distanza a media di 1.12.7 ha tenuto a distanza i rivali tra i quali si è messo in luce Aber Dell’Olmo, autore di bella risalita esterna dopo breve incertezza nella fase iniziale. L’appostata Babylonia Baba ha concluso terza su Bravissimo Lp, finito forte dopo aver faticato a reperire la destra libera. 

RED/Agipro

Foto credits: Dena-Snaitech

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password