Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 30/11/2022 alle ore 20:32

Ippica & equitazione

29/04/2022 | 08:30

Ippica, all’Ippodromo Snai La Maura la prima vittoria per Synergy

facebook twitter pinterest
ALL’IPPODROMO SNAI LA MAURA LA PRIMA VITTORIA PER SYNERGY

ROMA - All'Ippodromo Snai La Maura trotto di Milano appuntamento, per questa volta, del giovedì con il Premio Testimonial Ok come clou tecnico della riunione posto in chiusura di pomeriggio. Le attenzioni erano tutte puntate su Banderas Bi, soggetto che con il training di Enrico Bellei sta provando a risalire nelle gerarchie nazionali dopo essere stato tra i migliori esponenti della generazione a 2 e 3 anni. Oggi però la ribalta se l’è presa Synergy, l’importato in allenamento ad Alessandro Gocciadoro che al debutto romano di tre settimane fa non aveva saputo onorare le grosse attese ricevute al betting: stavolta, snobbato dagli scommettitori, il figlio di Father Patrick ha mostrato parziali da vero “yankee”, palesati nello scatto iniziale con ha preso d’acchito la testa della corsa e nel mezzo miglio finale “supersonico” in 56 (28.2 e 27.8 i due quarti conclusivi) con cui ha difeso in sicurezza la leadership chiudendo a media di 1.12.3. Un bravo naturalmente anche al suo preparatore e interprete, capace di portare al successo un soggetto che sin qui aveva vinto solo sulle piste americane e che invece era rimasto a “secco” nella esperienza scandinava. I rivali hanno forse sottovalutato un pò troppo il battistrada: Ugolinast si è limitata a scortarlo nella prima parte di gara ma poi sul cambio di ritmo è andata progressivamente in difficoltà e ha detto basta sull’ultima curva, mentre Banderas Bi, che aveva agito in scia alla cavalla di Santo Mollo, ha provato a piazzare lo spunto ai 300 finali ma ha trovato l’importato ancora tonico in retta e non è andato al di là del terzo posto, perché Showmar ha sfruttato al meglio la scia del vincitore per conquistare la seconda moneta. Poco fortunata Alchimia di Casei, terza dal via lungo la corda e mai in grado di trovare la destra libera, mentre Great King Wine e Toscarella giocandosela all’attesa non sono riusciti a farsi avanti nel finale. L’altra prova più interessante del pomeriggio milanese era il Premio Rotary Ok, una prova sui 2250 metri riservata ai 3 anni, che Daytona di Cecco, letteralmente trasformata dal training di Fausto Barelli, dominava in pratica dal primo all’ultimo metro siglando la terza vittoria di fila. Tutto facile per la figlia di Adrian Chip, affidata come sempre a Pippo Gubellini, che otteneva il via libera da Dubhe Prav, si poteva permettere un primo km in 1.19.5, cambiava registro nell’ultima tornata (in 1.13 e spiccioli) e vinceva alla media complessiva di 1.15.1. La vittoria per la sua modalità aggiunge poco a quanto fatto vedere in precedenza e pertanto i limiti di questa ennesima realizzazione del Bareggio Team restano ancora da definire. Dubhe Pra faceva tesoro della posizione e chiudeva secondo su Dexter Ors. Dragons Bar provava il percorso esterno ma non riusciva mai ad avvicinare la vincitrice e in retta alzava bandiera bianca. Prima del successo di chiusura con Synergy, Alessandro Gocciadoro era già andato a segno anche se nella sola veste di catch-driver interpretando Casettaro per conto di Matteo Restelli nel Premio Lookout Victory, l’invito sui 1650 metri per cavalli di 4 anni che si riduceva a soli quattro partenti. Casettaro rilevava in meno di 600 metri Calico’ Skies e poi controllava in assoluta sicurezza Castellamzam Sa, a media di 1.15.3, mentre Calico’ Skies confermava un’andatura non perfetta sbagliando sul penultimo rettilineo: al via si era estromesso anche l’outsider Carlitos.

Un bis (anche da allenatore) lo firmava pure Andrea Guzzinati con due vittorie quasi in fotocopia. Nel Premio Miss Possessed D’Artagnan Bar tornava a mostrare i muscoli: con un bel percorso esterno, il figlio di Napoleon Bar metteva a sedere il battistrada Dolthol ai 400 finali e svettava al record di 1.14.8. Duca Gielle seguiva le mosse del rivale a qualche lunghezza e vinceva la lotta per il secondo posto su una positiva Doroty del Sauro. Dolthol dopo aver strappato per difendere il comando si animava un pò troppo ma si arrendeva comunque a traguardo lontano. Il driver torinese concedeva subito il bis con Aber dell’Olmo nel Premio Higher Love, la prova sui 1650 metri per cavalli di cat. F: il figlio di Love You riscattava la sfortunatissima ultima uscita torinese (nella quale era terminato secondo dopo aver perso tanti metri per un errore iniziale) sottomettendo il leader Senator Roc ai 400 finali e allungando sicuro per svettare a media di 1.13.3, seguito a qualche lunghezza da Atena Risaia Trgf e Splendeur Joyeyse, emersi alle migliori piazze sul calo netto di Senator Roc. Sempre insidioso nelle sue incursioni milanesi, Manuel Galeazzi dominava da cima a fondo il Premio Magic Tonight con il fido Unicum Bigi: il 9 anni da Nad Al Sheba era molto veloce nella giravolta conquistando il comando su Ecco Qui, controllava il pressing (per la verità neppure troppo incisivo) del finlandese di Alessandro Gocciadoro e in retta allungava sicuro per eludere a media di 1.15.8 lo scatto di Bono Jet, mentre per linee interne Bed rimontava per il terzo posto Ecco Qui. Due le prove del pomeriggio riservate ai gentlemen. La prova di apertura era valida come seconda eliminatoria lombarda del Campionato Italiano della categoria: l’errore di Clark Cable Olm spianava la strada a Corsaro Gams e Dante Bosia, che una volta sfilati in testa, facevano corsa per proprio conto vincendo a media di 1.15.5. A largo intervallo Cristalda Col batteva per il secondo posto Carlos Alter. Nel Premio Roger Prav, una reclamare sui 1650 metri con cavalli di proprietà, la corsa sino a metà retta sembrava saldamente nelle mani di Zeus Ek e Fabio Marchino, ma il cavallo di Francesco Di Stefano in retta non sapeva reagire all’agguato dell’appostato Brivido Rich, che con Samuele Querci apparigliava sul palo il rivale e lo “stampava” a media di 1.15.4. Per il terzo posto terminavano in linea ma nell’ordine Borg Grif e un ottimo Uisconsis Vol, tornato bene dopo errore iniziale. 

RED/Agipro

Foto credits: Dena-Snaitech

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password