Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 13/11/2019 alle ore 19:21

Ippica & equitazione

04/10/2019 | 10:19

Equitazione, Finale FEI Nations Cup: Italia tra le migliori otto, domenica ancora in campo

facebook twitter google pinterest
Equitazione Finale FEI Nations Cup: Italia tra le migliori otto domenica ancora in campo

ROMA - Giornata al cardiopalma quella di ieri per il Team Italia al Real Club de Polo di Barcellona dove si è svolta la prima prova della Longines FEI Jumping Nations Cup Final 2019. Gli azzurri - si legge in una nota della Fise - chiudendo la gara con un totale di 12 penalità e con la somma dei tempi pari a 233 secondi e 12 centesimi, si sono piazzati all’ottavo posto qualificandosi così per la finalissima in programma domenica 6 ottobre (h.15.00). Finalissima nella quale tutte le otto squadre ripartiranno alla pari e che ha in palio non solo la vittoria nel circuito FEI delle Coppe delle Nazioni ma, per Colombia, Irlanda e Italia, anche la possibilità di ottenere l’unico posto ancora disponibile per i prossimi Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

La squadra italiana era partita molto bene con Luca Marziani capace di un fantastico percorso netto in sella al suo Tokyo du Soleil. Alla prova del cavaliere romano sono poi seguite quelle di Massimo Grossato con Lazzaro delle Schiave (8 penalità; verticale 4a, primo elemento della doppia gabbia e il verticale n°10) e di Paolo Paini con Ottava Meraviglia di Ca’ San Giorgio (un errore all’oxer numero 8). Ultimo ad entrare Lorenzo De Luca con Dinky Toy vd Kranenburg che commetteva subito un errore all’ostacolo numero 1 replicato poi all’oxer numero 12. I percorsi di quattro azzurri sono stati però veloci tanto che è stata proprio la somma dei tempi quella che ha consentito alla squadra di lasciarsi alle spalle la Spagna (12 penalità; tempo complessivo 233"57) e mantenere l’ottava posizione.
Oltre all’Italia per la finale si sono qualificati – in ordine di classifica odierna – Belgio (oggi 4 penalità), Francia (5), Colombia e Svezia (9), Irlanda (10) e Germania e Svizzera (anche loro con 12 penalità e un tempo totale rispettivamente di 227"42 e 231"37).
Il percorso della gara con tredici ostacoli per sedici salti da 160 cm tracciato dallo spagnolo Santiago Varela è stato molto selettivo, come confermano i soli undici percorsi netti due dei quali firmati dal Belgio, fresco Campione d’Europa e il fatto che nessuna delle squadre al via ha chiuso senza penalità.
Alla Challenge Cup di domani 5 ottobre (h. 21.00) prenderanno parte Brasile, Egitto, Giappone, Gran Bretagna, Messico, Norvegia, Olanda, Portogallo, Spagna, Stati Uniti.

Foto: Fise.it


RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Ippica Ippodromo Snai La Maura

Ippica, all'Ippodromo Snai La Maura Zaffiro Jet non perdona

13/11/2019 | 08:40 ROMA - All’Ippodromo SNAI La Maura il primo dei tre appuntamenti di questa settimana con il trotto milanese. Pietro Gubellini ha aperto e chiuso il pomeriggio firmando un bel doppio: particolarmente probante il successo...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password