Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 17/11/2019 alle ore 09:48

Ippica & equitazione

04/11/2019 | 09:50

Ippica, all'Ippodromo Snai San Siro nel premio Maria Sacco riscatto di Spietata

facebook twitter google pinterest
Ippic Ippodromo Snai San Siro

ROMA - All’Ippodromo Snai San Siro di Milano sabato di corse con dedica speciale a Pio Bruni, figura centrale dell’ippica italiana e in particolare di quella milanese, che l’ippodromo ha voluto omaggiare con un minuto di silenzio. Il programma proponeva un paio di corse di buon livello, su tutte il Premio intitolato a Maria Sacco, un HL sui 1700 metri in pista media per cavalle di 3 anni e oltre che costituiva una sorta di rivincita del Premio Madonnina del 19 ottobre vinto da Malpaga. Oggi la portacolori della Azienda Agricola San Felice pagava al peso quel successo e cio’ ha offerto a Spietata l’occasione del riscatto. Con in sella Sergio Urru, la cavalla allenata dal team Simondi-Lupinacci si e’ presentata facile (come gia’ all’ultima uscita) a meta’ retta in prima linea, stavolta pero’ ha saputo perseverare nell’azione passando ai 250 finali e allungando sicura verso il traguardo. Malpaga si e’ lanciata al suo inseguimento sperando di coglierne una flessione nel finale ma la portacolori della scuderia Umberto non ha ceduto di un metro, centrando il quarto successo della carriera: buono comunque anche il posto d’onore di Malpaga, che ha confermato progressi e attitudine al terreno. Cima Fire ha lottato e pur senza dare mai l’impressione di poter dire la sua per la vittoria, ha chiuso al terzo posto davanti a Key Master, in progresso rispetto all’ultima, opaca prestazione, e Prigioniera, in calo nei 300 finali dopo aver dettato un buon treno di corsa dal via. Rose And Crown ha detto basta in retta dopo essere stata seconda per gran parte del percorso, Boule de Noel ha recuperato poco in retta dalle retrovie. L’altra prova principale del pomeriggio e’ stata il Premio Brianza, la condizionata sui 1200 metri in pista dritta per cavalli di 2 anni: Travelling Well ha stupito tutti, non tanto per il successo (che ci poteva stare) quanto per il distacco abissale inferto ai coetanei. Con in sella Silvano Mulas, il cavallo allenato da Bruno Grizzetti ha conquistato come da copione il comando delle operazioni senza troppa fatica e ai 300 finali ha salutato la compagnia facendo letteralmente il vuoto e lasciando a 12 lunghezze Sentiero Lucente. E meno male che si pensava che il portacolori della Razza Montalbano fosse soggetto piu’ tagliato per la distanza minima! Sentiero Lucente ha visto la coda del rivale allontanarsi sempre piu’ e ha badato al secondo posto, conservato con tranquillita’ su Flamibella, onesta e nulla piu’ in questa sua seconda uscita dopo il vittorioso debutto romano, mentre l’altro ospite romano si e’ spento progressivamente nei 300 finali. Americanism ha regalato a Danila Cherio una facile e nitida affermazione nel Criterium delle AmazzoniTrofeo Agri, l’handicap sui 1700 metri in pista media per soggetti di 3 anni e oltre nel quale il cavallo allenato da Mario Esposito ha mostrato una chiara superiorita’ sui rivali di giornata: ai lati del battistrada Da Milano, il portacolori della signora Patrizia Testa e’ passato a traguardo ancora lontano e si e’ staccato, vanamente inseguito dal favorito Bianco e Nero che si e’ dovuto adeguare al secondo posto, mentre Nap Time ha concluso al terzo.
Nel Premio Palazzo Marino, la maiden sui 2000 metri in pista media per cavalli di 2 anni, Sfursatt ha superato a pieni voti l’esame-distanza, considerato anche che il ritmo non e’ mancato: il portacolori del signor Alberto Ciampa allenato da Diego Dettori e montato da Claudio Colombi e’ migliorato lungo lo steccato lanciandosi all’inseguimento del fuggitivo Lucechericama ai 400 finali ed e’ uscito benissimo alla distanza, travolgendo il rivale nei 70 finali. Lucechericama, in testa dal via, dopo le ultime prove non del tutto convincenti ha pigiato sull’acceleratore provando l’allungo a traguardo lontano ma nel finale si e’ dovuto inchinare ad un rivale che ha sorpreso positivamente. Piu’ indietro Vinci Per Noi ha rimontato Cecino di Mamma per il terzo posto: l’atteso No Profit, Antboy e il deb Rosatello hanno pagato il ritmo sostenuto imposto dal battistrada. Incursione vincente di Sonniende nel Premio Buccinasco, l’handicap sui 2000 metri in pista media per cavalli di 3 anni: con Federico Bossa in sella, il toscano allenato da Marco Amerio ha dettato tranquillamente il ritmo dal via, poi in retta ha allungato salutando i rivali e permettendosi addirittura di rallentare nei metri finali. A intervallo dal vincitore, Its A Good Deal, Commander Girl e Posillipo si sono disputati a lungo il secondo posto terminando nell’ordine sul traguardo: l’atteso Storm Shelter e’ invece rimasto sul passo a meta’ retta. Dopo il secondo posto di Malpaga nel “Maria Sacco”, l’Azienda Agricola San Felice si e’ rifatta nel Premio Rosate, l’handicap per cavalli di 3 anni sui 1500 metri in pista media, grazie a Picedo: con Carlo Fiocchi in sella, il cavallo di Mario Marcialis sfruttando la sua attitudine ai terreni faticosi ha guadagnato posizioni in curva presentandosi facile ai lati del battistrada Enigma Code in retta: il jockey romano ha temporeggiato per poi dare il la’ al suo allievo ai 300 finali e chiudere in breve la partita. Buono il finale di I Believe in You, venuto a fare il secondo su Enigma Code.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Ippica Ippodromo Snai La Maura

Ippica, all'Ippodromo Snai La Maura Zaffiro Jet non perdona

13/11/2019 | 08:40 ROMA - All’Ippodromo SNAI La Maura il primo dei tre appuntamenti di questa settimana con il trotto milanese. Pietro Gubellini ha aperto e chiuso il pomeriggio firmando un bel doppio: particolarmente probante il successo...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password