Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/10/2018 alle ore 20:41

Ippica & equitazione

12/10/2018 | 14:13

Ippica, Capannelle: sabato le eliminatorie del Gran Premio Anact

facebook twitter google pinterest
Ippica Capannelle Gran Premio Anact

ROMA - Il secondo sabato di ottobre vedrà protagonisti alle Capannelle i 2 anni che si affronteranno nelle eliminatorie del gran premio Anact alla quarta corsa (divisione maschile) ed alla sesta corsa (divisione femminile).
Tra i maschi c'è grandissima incertezza, perché sono solo otto al via ma tutti, chi più chi meno, hanno qualche buona carta da giocarsi: la nostra scelta punta in primis sul veloce Alcide Roc, che potrebbe andare davanti, cui facciamo seguire Ares del Ronco, che ha corso in progresso ed ha la pole, Axel Wind e Astro del Nord. Quanto alla divisione femminile, Atlantide resta su due belle vittorie, l'ultima al record di 1.14.7, e quindi merita la prima citazione su Aloha Bi, fantastica all'ultima a Follonica, e sulle due “Casillo” Amy Wind e Angelina Bar.
Da non perdere, si legge in una nota, anche il doppio km a resa di metri con quattordici cavalli divisi su tre nastri: anche questa è una corsa estremamente complessa e la nostra scelta si è infine indirizzata su Tale Inno su un Tritone Lux in forma strepitosa e sul vecchio Pride Wise As, con inserimento alla portata del superpenalizzato Roger Waters oltre che di Rapsodia d'Ete, Tutankhamon Mrs e del ben sistemato Unno.
Grande domenica all’ippodromo delle Capannelle. La selezione al centro del pomeriggio che si allarga anche alla partecipazione, ormai una graditissima costante, dei cavalli purosangue Arabi,di casa davvero alle Capannelle. Due sono le corse che vengono loro riservate portando cosi il totale del pomeriggio a nove. Una sarà sul miglio e riservata ai soli tre anni mentre l’altra prova in programma vedrà sui 1800 a confronto i cavalli anziani di 4 anni e oltre.
Il gran pomeriggio è tale ovviamente per la presenza dei purosangue che hanno a disposizione tre prove di spicco e tutte per i due anni che vivono in autunno la loro stagione più prestigiosa.
Il Premio Pandolfi è listed di assoluto prestigio che lancia le femmine veloci, un traguardo, sui 1200 in dirittura, che è un bel punto di arrivo ed insieme anche di partenza verso magari un successivo tentativo nell’Aloisi addirittura contro gli anziani oppure verso il Divino Amore sempre tra i due anni. Ubaldo Pandolfi è stato uno dei più grandi allenatori italiani di tutti i tempi. La sua meravigliosa vicenda sportiva, dopo parentesi iniziale come fantino in ostacoli, inizia già nel lontano 1932 con il sodalizio eccezionale con Luchino Visconti insieme al quale vinse il Milano con Sanzio poi a bersaglio anche in Europa. Nel dopo guerra Ubaldo Pandolfi ha legato il suo nome a formazioni di assoluta eccellenza nel panorama italiano ed internazionale. E’ stato il trainer, tra l’altro, del Soldo, della Metauro e di Dormello. Ovviamente vincendo quasi tutto ciò che c’era da vincere. Un Maestro assoluto. La sua corsa che ha in fondo una storia recente ci ricorda che lo scorso anno vinse Atiam ma prima ancora Sopran Verne, Aquila Solitaria, Spice Gem, la grande Omatycaya, Charming Woman, Pleasure Place fino alla eccezionale Slap Shot. Nella edizione 2018 saranno in campo in dieci, un bel numero (in media circa nove per corsa nella giornata): Framily, Francesca Pink, Fullness of Life, Greach, Incelebry, Lampoflex, Nonna Grazia, Spina di Rose, Stage Play, Sveva Spirit. Non soltanto Pandolfi ma, per i due anni, anche il Sette Colli che è HP tradizionale sul miglio e che prova a ritagliarsi un posto differente da quello consueto. Infatti di solito si disputa a fine riunione, quasi un congedo a fine novembre circa. Ora prova a lanciare protagonisti che potrebbero in caso di affermazione lanciarsi verso il Rumon almeno di metà novembre. La perizia di questa edizione vede a confronto otto due anni distribuiti lungo la scala: Faulette che la capeggia poi Isole Maldive Shartattack, Blu Shamrock, bright Star, Brunate, Clean Sweep, Balsamina. Non meno importante sarà il premio Le Marmore che nella sua storia è stato anche listed. E’ la prova per eccellenza, a Roma, per andare verso il Berardelli. Si disputa sugli stessi 1800 metri severi e nel tempo ha lanciato cavalli straordinari. Da ultimo proprio Flower Party che sarà alfiere del galoppo italiano nel prossimo Lidia Tesio. Prima tuttavia ecco i grandi nomi Full Drago, Gentlemen Only, Permesso, Rattle and Hum, Vol de Nuit, Urgente solo per citarne alcuni. Una corsa che è appuntamento perfetto in questa parte della stagione. Chi in campo? Non i molti ma di sicura qualità: Bel Ami, Dragon Heart, Feel So Good, Painfull. La giornata come detto regala nove corse, due per i puro sangue Arabi, una listed, un Hp, due condizionate ed il resto interessanti handicap uno dei quali nel ricordo di Aleandro Santoni che è stato fine allenatore ed ippico doc e che p stata scelta come TQQ per chiudere il pomeriggio. Tre anni e oltre in pista sui 2400 di spessore, ad esempio Multicolors, Irishmanmark, La Grande Bellezza, Prince Red, Resegone, Bianco Coniglio, Tarazed e Cascio Indiavolato. Una volta la pista dritta, sette volte quella grande in erba e una volta il dirt. Distanze dai 1200 fino ai 2400.
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

ippica snai la maura

Ippica: all’Ippodromo Snai La Maura vince Aida Francis

23/10/2018 | 19:52 MILANO – All’Ippodromo Snai La Maura appuntamento del martedi’ con in programma sei corse tra cui una II Tris e il TQQ della giornata. La prova di cartello  - si legge in una nota - e’ stato il Premio Mondiale...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password