Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 21/07/2018 alle ore 20:38

Ippica & equitazione

22/01/2018 | 14:57

Ippica, Capannelle cambia gestione: Hippogroup presenta ricorso al Tar Lazio

facebook twitter google pinterest
Ippica Capannelle Hippogroup ricorso


ROMA - "Con atto notificato il 19 gennaio 2018, Hippogroup Roma Capannelle S.r.l. ha proposto ricorso (senza istanza cautelare) dinanzi al TAR del Lazio per ottenere l’annullamento della Determina Dirigenziale n. 623331 del 17 novembre 2017, con la quale Roma Capitale ha respinto l’istanza – formulata dalla stessa Hippogroup Roma Capannelle S.r.l. in data 22 maggio 2014 ai sensi dell’art. 11 del Regolamento per gli impianti sportivi di proprietà comunale (Deliberazione del Consiglio Comunale n. 170 del 7 novembre 2002) – di proroga della concessione dell’Ippodromo di Capannelle, già oggetto del Disciplinare sottoscritto tra la Società e Roma Capitale in data 8 novembre 2004". E' quanto si legge in una nota della società. "Il ricorso ha lo scopo di salvaguardare gli ingenti investimenti realizzati dalla Società sulla scorta del legittimo affidamento ingenerato dall’Amministrazione capitolina in capo alla stessa Società circa la prosecuzione del rapporto concessorio oltre l’originaria scadenza del 31 dicembre 2017, nonché di conseguire il ristoro dei danni patiti da Hippogroup Roma Capannelle S.r.l. a causa dell’abnorme ritardo con cui Roma Capitale, pur essendosi dimostrata in molteplici occasioni non contraria al riconoscimento della proroga della concessione, in linea con la vigente normativa, ha alfine opposto il contestato diniego", continua la nota. "La Società conferma di avere regolarmente assolto a tutte le obbligazioni derivanti dal rapporto in essere con l’Amministrazione proprietaria del bene e, più in generale, la assoluta correttezza del proprio operato quale concessionario dell’Impianto, ribadendo che, a tutela dell’onorabilità propria e dei propri azionisti, agirà nelle opportune sedi contro chiunque si renderà protagonista di affermazioni mendaci e lesive dell’immagine della Società in merito a questa amara vicenda che mina il futuro di centinaia di famiglie".
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password